Risultati ricerca

Antonio D'Ambrosio, Francesca Costanzo

Il disturbo dissociativo d'identità

Il trattamento cognitivo-comportamentale

Strutturato come un manuale, il testo presenta un’approfondita panoramica delle definizioni del disturbo alla luce delle più recenti teorie neurobiologiche e cognitive, per poi affrontare gli aspetti etiologici, le comorbidità e la diagnosi alla luce delle più recenti classificazioni nosografiche. Uno strumento fondamentale per psichiatri, psicologi, psicoterapeuti e terapisti della riabilitazione psichiatrica, ma anche per chi è incuriosito dalle tematiche relative alla coscienza e alle sue frammentazioni.

cod. 1250.259

Aristide Saggino, Paolo Pappone

Lo stress nei lavoratori bancari.

Il questionario Stress Organizzativo e Salute (SOS)

Il libro presenta uno strumento di misura dello stress specifico per i lavoratori bancari.

cod. 1253.1

Aristide Saggino, Angelo Collevecchio

Psicoterapie e metodo scientifico

Un'analisi critica

Questo lavoro è diretto sia a chi è interessato a capire come la scienza valuta l’efficacia delle psicoterapie, sia a chiunque voglia avere informazioni sull’approccio scientifico alle psicoterapie in quanto interessato a fruirne.

cod. 1250.245

Aristide Saggino, Michela Balsamo, Sergio Di Sano, Laura Picconi, Roberta Romanelli

La plusdotazione tra intelligenza psicometrica ed intelligenza emotiva

RICERCHE DI PSICOLOGIA

Fascicolo: 2 / 2013

Talento e plusdotazione sono una delle risorse piu importanti della nostra societa in quanto strettamente legati al progresso scientifico e alla crescita economica. Questi conce tti sono stati sempre considerati legati all’intelligenza negli studi psicometrici. A partire dagli anni ’80 diversi studiosi hanno contrapposto al concetto di "intelligenza psicometrica", quello di "intelligenza emotiva", in base alla considerazione che il successo e l’adattamento sociale richiedono la capacita di sapere gestire le emozioni. Il concetto di intelligenza emotiva ha raggiunto una grande popolarita ed ha certo il merito di aver posto l’accento su una molteplicita di fattori che possono influenzare il successo personale; d’altra parte, presenta anche dei limiti non trascurabili: assenza di accordo tra gli studiosi sulla definizione del concetto, debolezza degli strumenti di misura impiegati, scarso supporto empirico e, soprattutto, assenza di una chiara distinzione tra i concetti di "intelligenza emotiva", "personalita" ed "emozioni". La conclusione e che l’intelligenza psicometrica rappresenta un importante fattore di successo, sia in ambito accademico che nella vita, che ha solide basi empiriche, mentre il costrutto di "intelligenza emotiva" non fornisce al momento una soluzione alternativa soddisfacente.

Gian Vittorio Caprara, Eugenia Scabini

I valori nell'Italia contemporanea

Uno spaccato completo (ed unico nel suo genere) della società italiana e di alcune delle problematiche che maggiormente la caratterizzano. Universalismo, Benevolenza, Conformismo, Tradizione, Sicurezza, Potere, Successo, Edonismo, Stimolazione e Autodirezione: una riflessione accurata sulla presenza di tali valori a livello individuale, di Paese e di Cultura.

cod. 1420.1.121

Aristide Saggino, Laura Picconi, Antonio Chirumbolo

Dimensioni di personalità e scelta degli studi universitari: una ricerca preliminare con il five factor professional questionnaire

RISORSA UOMO

Fascicolo: 1-2 / 2005

La valutazione della personalità svolge un ruolo importante nella selezione e nell’orientamento. L’obiettivo di questa ricerca è quello di individuare dei profili di personalità differenziati in base alla scelta della Facoltà universitaria. Hanno partecipato alla ricerca 273 studenti universitari (100 maschi e 173 femmine), di età compresa tra i 20 e i 42 anni, iscritti a quattro diverse facoltà (Lingue e Letterature straniere, Scienze motorie, Scienze manageriali e Architettura), a cui è stato somministrato il Five Factor Professional Questionnaire (FFPQ). I risultati hanno evidenziato profili di personalità differenziati in funzione della Facoltà frequentata. Differenze significative tra i gruppi emergono per quanto riguarda Apertura Mentale, Competitività e Coscienziosità, mentre nessuna differenza è stata evidenziata per Estroversione e Stabilità Emotiva.

Annamaria Di Fabio, Aristide Saggino

Interessi e scelta accademica: uno studio esplorativo sull'intenzione comportamentale

RISORSA UOMO

Fascicolo: 1-2 / 2005

Gli interessi professionali costituiscono un’area tematica dibattuta in relazione alle scelte di carriera. Lo scopo della ricerca è verificare la presenza di relazioni tra interessi professionali e intenzione comportamentale di scelta accademica. A 126 soggetti frequentanti l’ultimo anno di scuola superiore sono stati somministrati l’Inventario degli Interessi Professionali di Kuder (IIP) e il Questionario sull’Intenzione Comportamentale per la scelta delle facoltà universitarie. Un’analisi canonica è stata calcolata per esplorare le relazioni tra interessi e possibile scelta universitaria in tre diverse aree (Umanistica, Giuridico-economica, Scientifico-medica). I risultati mostrano che gli studenti tendono a scegliere i percorsi accademici in base ai propri interessi almeno a livello di intenzione comportamentale: alcuni interessi professionali inventariati risultano infatti influenzare e discriminare le intenzioni di scelta.

Anna Coluccia, Raffaele Cioffi, Fabio Ferretti, Giulio Vidotto, Aristide Saggino

Proprietà psicometriche del Questionario di Qualità Percepita (QQP)

PSICOLOGIA DELLA SALUTE

Fascicolo: 2 / 2004

Nel presente articolo abbiamo analizzato le proprietà psicometriche del Questionario italiano QQP (Questionario sulla Qualità Percepita: Coluccia et al., 2002). I soggetti devono rispondere a 14 domande suddivise in 4 fattori (soddisfazione verso medici, infermieri, ausiliari e strutture ospedaliere). Abbiamo somministrato il test a 1600 pazienti dell’Ospedale Policlinico le Scotte di Siena. Impiegando i modelli di equazione strutturale, abbiamo studiato la dimensionalità del questionario. Con un’analisi multi gruppo abbiamo studiato le differenze di genere. I risultati propongono una significativa differenza di genere per una dimensione (Soddisfazione verso gli infermieri): le femmine tendono a dare giudizi più negativi.

Marco Lauriola, Alessandra Gioggi, Aristide Saggino

Big Five ed intenzione di scegliere la facoltà universitaria: uno studio esplorativo su studenti del liceo

RASSEGNA DI PSICOLOGIA

Fascicolo: 1 / 2001

Alcune misure dei Big Five, ed un questionario sull’intenzione comportamentale di iscriversi a differenti facoltà universitarie, sono state somministrate ad un gruppo di 81 studenti delle ultime due classi del liceo scientifico. Un’analisi canonica è stata calcolata per esplorare le correlazioni tra i tratti della personalità (Estroversione-Introversione, Coscienziosità, Neuroticismo-Stabilità Emotiva, Amicalità-Ostilità, Apertura-Chiusura all’Esperienza) e la possibile scelta universitaria in quattro diverse aree (Umanistico-Sociale, Giuridico-Economica, Scienze e Medicina). I risultati mostrano che alti punteggi di stabilità emotiva, ostilità ed estroversione predicono l’intenzione di iscriversi alla facoltà di giurisprudenza o economia. L’intenzione di iscriversi ad una facoltà umanistica è invece associata ad alti punteggi di estroversione ed amicalità. Non si riscontra alcuna associazione statistica tra i tratti di personalità e le intenzioni di iscriversi ad una facoltà scientifica o di tipo medico.

Maria Rita Consegnati, Caterina Laicardi

Il figlio nel conflitto genitoriale.

Lettura del Rorschach somministrato ai bambini ed adolescenti nella consulenza tecnica d'ufficio

cod. 1240.151