BOOKS BY GIUSEPPE CIN��

Due to the Covid-19 pandemic, the XLI Annual Scientific Conference held on line in September 2-4, 2020. The Web Conference contributed to motivate the scientific debate on the regional challenges and opportunities in times of crisis. A large number of contributions have investigated the territorial impact of economic shocks and natural disaster and discussed possible trajectories for a sustainable regional development process. The book collects a selection of these contributions, covering different topics on the economic, social, and regional consequences of crises and recovery processes.

cod. 11390.5

Giuseppe Cinà, Luca Lazzarini

Intercomunalità e agricoltura: pratiche e politiche di sviluppo in contesti periurbani

ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI

Fascicolo: 122 / 2018

Il saggio presenta una riflessione sull’intercomunalità e sul rinnovato peso dei Co-muni nel mutato quadro delle trasformazioni territoriali a partire dall’individuazione di tre modelli di riferimento deducibili dall’attuale panorama di politiche e pratiche di intercomunalità in Italia. In particolare mette a fuoco le at-tuali forme di cooperazione tra Comuni nel campo della pianificazione delle aree agricole periurbane con il proposito di misurare l’efficacia dell’azione intercomu-nale rispetto agli obiettivi di valorizzazione dell’agricoltura in contesti periurbani.

Giuseppe Cinquegrana, Serena Migliardo, Domenico Sarno

Comparative analysis of private and public provision of the water and waste services by the Italian municipalities

ECONOMIA PUBBLICA

Fascicolo: 3 / 2016

This paper investigates the behavior of private and publicly-owned corporations providing services in local industries that have undergone restructuring interventions since the Nineties in order to promote market contestability. Based on the approaches arising from the transaction costs theory, the paper proposes a comparative analysis of the economic and financial efficiency of a sample of local utilities supplying services in the water and waste industries, observed from 2008 to 2010. The efficiency analysis is achieved by measuring the distance from the stochastic frontier of the production costs of each firm, and the financial efficiency analysis through statement ratios. The findings of the study generally confirm the implications of the transaction costs approach and they show a wide convergence trend between privately and publicly owned organizations for the degree of utilization of input as well as for the financial efficiency analysis. There are sometimes slight differentials on the part of public companies, especially for the larger ones, which can be largely explained by the existence of more stringent welfare-oriented objectives.

In Cina l’uso sistematico della demolizione e della ricostruzione ‘in stile’ di vaste aree storiche è il paradigma di un’immatura cultura della conservazione. Questo testo propone una riflessione sulle sue molteplici cause, dalle più manifeste (mercato immobiliare, collusione tra interessi pubblici e privati) a quelle meno evidenti, come l’opaco sistema del regime dei suoli e la diversa concettualizzazione dei beni culturali nella tradizione cinese. Per inquadrare il contesto operativo della demolizione, il testo mette a confronto alcuni aspetti rilevanti del sistema politico, del quadro normativo e degli strumenti tecnici adottati, anche con riferimento ad alcuni notevoli interventi. Ne emerge una pratica della demolizione priva di progetto, ostaggio dell’ideologia e del mercato immobiliare, che richiede di essere ripensata al fine di indirizzare adeguate strategie di valorizzazione

Giuseppe Cinà

Idee e pratiche della conservazione in Cina nell’epoca del socialismo di mercato

ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI

Fascicolo: 111 / 2014

Il testo affronta due delle cause che sono alla base degli esiti delle politiche di conservazione dei centri storici attuate in Cina negli ultimi trent’anni: l’insufficiente specificità della pianificazione del recupero a fronte della pianificazione generale e la sua dipendenza dalle dinamiche del mercato immobiliare. Gli aspetti rilevanti connessi a queste due questioni sono presentati in prospettiva storica, sul filo dell’evoluzione del quadro politico, economico e disciplinare e con riferimento ad alcune esperienze rilevanti.

Questo lavoro analizza l'impatto degli shock di politica monetaria sulle decisioni di investimento delle imprese italiane, tenendo conto delle diverse risposte in base alla loro posizione geografica. In particolare, si stima un modello di acceleratore dinamico con metodologia panel utilizzando un approccio Generalized Method of Moments. I coefficienti stimati sembrano confermare la presenza di un’asimmetria territoriale tra le unità produttive industriali del Centro-Nord e quelle del Sud Italia nella sensibilità degli investimenti alle variazioni dell’user cost of capital per ciascuna impresa come conseguenza di modifiche del tasso di interesse di riferimento adottati dall’autorità monetaria. I risultati mostrano che, contrariamente a quanto avviene nel Centro-Nord, gli investimenti a medio termine delle imprese industriali meridionali non aumentano in risposta alla riduzione dei tassi di interesse. Pertanto, l’attività di accumulazione per le imprese industriali nel Sud d’Italia non sembra essere sensibile agli impulsi prodotti da politiche monetarie espansive, dato che l'inefficienza del sistema finanziario locale e la presenza di vincoli istituzionali, essendo i fattori determinanti per l’elevato costo di finanziamento bancario per le imprese meridionali, rendono vischioso il tradizionale canale di trasmissione monetaria.

Giuseppe Cinà

Il progetto urbano come cardine di una mutazione disciplinare rimasta incompiuta

ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI

Fascicolo: 104 / 2012

Il saggio tratta l’evoluzione del Progetto Urbano dalle sue prime formulazioni alle attuali versioni, fornendo una sintesi critica dei significati e dei risultati nel tempo raggiunti e individuando tre fasi evolutive: la prima, con i primi tentativi di modificare i rigidi assunti del canone moderno; la seconda, caratterizzata dal ritorno alla città; la terza, segnata dalla maturazione dei suoi contenuti ma anche dalle prime derive interpretative. Il testo mette in rilievo la contraddizione in atto di due percorsi paralleli: quello dei Progetti Urbani tendenti a produrre innovazione urbana producendo "più città", senza abdicare alle funzioni del piano; quello dei Progetti Urbani che sfruttano i varchi aperti dalla crisi della pianificazione urbana per rispondere solo alle regole del mercato. Il testo si interroga infine sulle difficili prospettive di un ritorno di interesse verso il Progetto Urbano come paradigma dell’azione urbanistica.

Giuseppe Cinà

L'identità tra ricostruzione e recupero: il caso dei centri storici in Iraq

ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI

Fascicolo: 99 / 2010

I gravi ritardi che connotano la politica del recupero dei centri storici in Iraq sono fortemente segnati dalle conflittualità inerenti la formazione di un’identità culturale inclusiva e condivisa. Nel ripercorrere tale formazione l’autore sottolinea il controverso apporto fornito dalla cultura moderna, portatrice di nuovi valori identitari ma anche responsabile della rimozione di quelli propri alla città storica. Il testo si sofferma sulle conseguenze di questo fatto, leggibili in alcuni interventi oggi in itinere, dove una controversa nozione di bene culturale è all’origine di scelte distruttive.

Giuseppe Cinà

Nuovi piani paesistici, un po’ indisciplinati

ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI

Fascicolo: 96 / 2009

L’autore si propone di approfondire se e come i nuovi piani paesaggistici in formazione, a seguito delle innovazioni introdotte dal Codice, stiano approdando verso una maggiore operatività rispetto ai piani della generazione Galasso. Questo possibile esito viene esaminato su un campione di tre piani, espressivo dell’estrema varietà delle situazioni presenti, e con riferimento ad alcuni aspetti rilevanti nella formazione della disciplina: la copianificazione, la cogenza delle norme, le linee guida, i progetti strategici.

Giuseppe Cingolani

Italia 2006

Mondo e campanile nella vita quotidiana

cod. 575.8