LIBRI DI PIER GIUSEPPE ROSSI

Cristina Coggi

Formare i docenti universitari alla didattica e alla valutazione

Temi di approfondimento ed efficacia dei percorsi IRIDI

Il volume propone un bilancio di ricerca sulla formazione IRIDI realizzata all’Università di Torino per i docenti universitari, alla luce degli apporti internazionali e dei dati raccolti in cinque anni di corsi. Lo studio consente da un lato di approfondire alcuni temi oggetto dell’iter formativo e dall’altro di disporre di un ampio repertorio di dati rilevato con strumenti validati.

cod. 11152.3

Pier Giuseppe Rossi, Maila Pentucci

Progettazione come azione simulata

Didattica dei processi e degli eco-sistemi

Il volume indaga la pianificazione dell’azione didattica entro contesti in cui dialogano e interagiscono attivamente saperi disciplinari e saperi pratici. Il testo si avvale delle pratiche, delle voci e delle riflessioni di docenti e studenti, esplicitate e condivise in percorsi di ricerca e formazione iniziale e in servizio. Dalla sistematizzazione delle produzioni dei docenti emergono le logiche sistemiche con cui muoversi nella macro e nella microprogettazione, e le proposte operative per una pianificazione flessibile, generativa, sostenibile, visibile e co-progettata con gli studenti.

cod. 1096.1.7

Filippo Bruni, Andrea Garavaglia

Media education in Italia.

Oggetti e ambiti della formazione

La media education, anche se presente nelle indicazioni formali, è scarsamente attuata nella scuola italiana, limitata com’è a situazioni episodiche che trovano maggiore riscontro negli ambiti informali. Il volume entra in profondità nella varietà del quadro italiano, tra esperienze formali e informali, in diversi ambiti che vanno dall’infanzia agli adulti, valorizzando una ricchezza e un potenziale pronto per uscire dalle cornici sperimentali della ricerca e delle singole offerte formative locali per essere messa a disposizione dell’intera cittadinanza.

cod. 1096.1.6

Vittorio Midoro

La scuola ai tempi del digitale

Istruzioni per costruire una scuola nuova

Come potrebbe essere la nuova scuola della società digitale? Questo libro, realizzato da 17 autori impegnati su diversi fronti dell’innovazione scolastica, cerca di dare una risposta, sia con contributi che delineano l’idea di una scuola nuova, precisando che non è un problema di macchine, sia con proposte che affrontano temi cruciali, emersi dalla diffusione capillare delle tecnologie digitali.

cod. 1096.1.4

Diana Laurillard

Insegnamento come scienza della progettazione

Costruire modelli pedagogici per apprendere con le tecnologie

Se il focus del testo è esplorare l’insegnamento come una scienza della progettazione e il ruolo che può avere la comunità dei docenti per migliorare i processi di insegnamento, “l’eroe” di questa storia è la tecnologia presente, oggi più che mai, nei processi scolastici, dalla fase della progettazione, all’azione didattica, alla documentazione. La tecnologia modifica la relazione con la conoscenza e con i processi di conoscenza.

cod. 1096.1

Elio Damiano

La mediazione didattica

Per una teoria dell'insegnamento

L’indagine mostra l’azione didattica nel vivo dei suoi contesti spazio-temporali e la esplicita come messa in opera di un “sistema di mediatori” che consentono all’alunno di misurarsi in sicurezza e pertinenza con gli oggetti culturali.

cod. 1108.1.16

Pier Giuseppe Rossi, Maila Pentucci, Laura Fedeli, Lorella Giannandrea, Valentina Pennazio

From the informative feedback to the generative feedback

EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY

Fascicolo: 2 / 2018

The complexity of the class context changes knowledge that, today, experiments more and more the ambiguity between global and local. Knowledge seems to aim at the construction of nets of modal meanings. Even the posture of teachers and students change and feedback is one of the aspects that can mostly affect learning by fostering the acceptance of reciprocal worlds present in the class context. In this direction, also feedback seems to change and from an informative structure, as proposed by Gagné, feedback is acquiring a generative rationale, that is, a structure able to open different interpretative perspectives. In the present contribution modalities of feedback collection are described such as Mentimeter.com and Google.com forms being used in different courses at the department of Education, Cultural Heritage and Tourism at the University of Macerata. Those tools were used to valorise the students’ informal and non formal knowledge and to define personalized trajectories. Feedback surely was the tool able to bridge the students’ and teachers’ experience and knowledge towards the construction of a net of meanings built in context.

Michele Corsi, Lorella Giannandrea, Pier Giuseppe Rossi, Juan De Pablo Pons

Editoriale

EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY

Fascicolo: 2 / 2018

Pier Giuseppe Rossi

Didattica enattiva.

Complessità, teorie dell'azione, professionalità docente

Il volume analizza la relazione tra la didattica e le altre scienze dell’educazione, tra didattica e didattiche disciplinari, tra insegnamento e apprendimento, tra affettivo e cognitivo, tra saperi e relazioni. Il testo vuole essere un contributo al dibattito nella comunità scientifica su alcune frontiere che la didattica oggi deve affrontare.

cod. 1108.1.8

Pier Giuseppe Rossi

The curriculum, the macro design and the micro design, and the curriculum transposition

EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY

Fascicolo: 2 / 2017

The didactical design is organized in different documents that are peculiar in the different countries. In Italy there id the school curriculum starting from the national guidelines for the pre-school, primary and middle school, and from the regulations for the high school. Then many teachers create yearly design documents for each discipline collaborating, at times, with colleague of parallel classes.  In this article, such yearly documents will be called “macro design”, while the design of the single work sessions (from 1 to 8 hours in class) will be called “micro design”. The complexity, finally, requires that macro and micro design are transponed and it is needed that a design artefact can be shared in class with students starting processes of co-design.The article analyses the role and the structure of the school curriculum in the current context, the relationships between the macro and micro design and, finally, the need of a transposition of the design artefacts to share the design with students.The article “the curriculum”, present in the same issue, is the logic premise of the present contribution.

Pier Giuseppe Rossi

The curriculum

EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY

Fascicolo: 2 / 2017

The complexity of socio cultural contexts and, consequently, of the school requires an explicit planning that can offer the didactical action a rhizomatic and generative vision.In such direction the models of curriculum of the last century, often characterized by a linear logic, lost much of their efficacy and cannot have an impact any longer with the complexity of reality and of the group class.Reflecting on the curriculum means catching the characterizing elements of the current contexts at the pedagogical and didactical level and reflecting on the elements of continuity and discontinuity from the past that could facilitate the change from linear models to recursive models.  The present article is organized into two parts: in the first there is a comparison between the present and the past, while in the second there is a review of the main contributions that from the Seventies of the last century have provided the basis to define the role and the structure of the curriculum.The article “the curriculum, the macro design and the micro design, and the curriculum transposition, present in the same issue, is the logic continuation of the present contribution.

L'uso dei social media nel workflow della produzione scientifica. Oggi al ricercatore è richiesto di padroneggiare ambienti non sempre progettati per essere fruiti dalla comunità accademica, di comprendere le implicazioni di carattere metodologico ed etico insite nella propria attività. Chiude il volume una riflessione sulle tecnologie come oggetto della ricerca introducendo il tema della digital etnography.

cod. 11096.5

Pier Giuseppe Rossi, Lorella Giannandrea

Technologies and trust

What is trust and how new technologies are changing or affecting the concept of trust? This publication offers insights from researchers working in educational technology and distance education, collected in the frame of the European FP-7 Marie-Curie People project “Stimulators and inhibitors of a culture of trust in educational interactions assisted by modern information and communication technology”, and provides examples of implications of trust for successful learning experiences in distance education. The research goal is to understand how trust has changed or is changing: this is related not only to the modification of the meaning, but also indicators upon which people built their judgements.

cod. 11096.4

Pier Giuseppe Rossi

Alignment

EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY

Fascicolo: 2 / 2016

The subject of alignment is not new to the world of education. Today however, it has come to mean different things and to have a heuristic value in education according to research in different areas, not least for neuroscience, and to attention to skills and to the alternation framework.This paper, after looking at the classic references that already attributed an important role to alignment in education processes, looks at the strategic role of alignment in the current context, outlining the shared construction processes and focusing on some of the ways in which this is put into effect.Alignment is part of a participatory, enactive approach that gives a central role to the interaction between teaching and learning, avoiding the limits of behaviourism, which has a greater bias towards teaching, and cognitivism/constructivism, which focus their attention on learning and in any case, on that which separates a teacher preparing the environment and a student working in it.

Pier Giuseppe Rossi, Catia Giaconi

Micro-progettazione: pratiche a confronto.

PROPIT, EAS, Flipped Classroom

Sono “micro-progettazione” i processi messi in atto dal docente per predisporre la sessione di lavoro del giorno dopo. Nel libro si analizzano e confrontano tre proposte: PROPIT, EAS e Flipped Classroom. Benché ciascuno abbia caratteristiche proprie, tali modelli condividono l’attenzione alla micro-progettazione, la focalizzazione sull’azione e l’interesse a favorire un atteggiamento attivo e consapevole da parte degli studenti.

cod. 11750.1

Laura Fedeli

Embodiment e mondi virtuali.

Implicazioni didattiche

Nel testo vengono presentate le implicazioni didattiche legate alla qualità della partecipazione dell’utente in alcune tipologie di mondi virtuali. Il valore dell’avatar emerge come variabile significativa e si manifesta nei processi di costruzione della propria identità, nella gestione delle dinamiche sociali e nel potere di azione sul mondo stesso.

cod. 1096.2

Guglielmo Trentin

Reti e inclusione socio-educativa.

Il sistema di supporto WISE

I risultati del progetto WISE (Wiring Individualised Special Education), che ha avuto lo scopo di sviluppare un sistema di supporto all’educazione e alla formazione speciale dei cosiddetti homebound, ossia di coloro che per ragioni fisiche e di salute sono confinati presso la propria abitazione o altro ambiente (ospedale, domicilio temporaneo).

cod. 292.2.136