I non studenti e l'AIDS: comportamenti a rischio e strategie di prevenzione

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Bruna Zani, Elvira Cicognani
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 17 P. Dimensione file: 90 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le ricerche sui comportamenti sessuali a rischio in adolescenti e giovani si sono concentrate prevalentemente sugli studenti. Questa ricerca si è focalizzata su un campione di non studenti, con lo scopo di indagare i comportamenti precauzionali nei riguardi dell’HIV (uso del condom, intenzioni di usarlo in futuro) e le differenze in base all’età, al genere e all’esperienza sessuale. Si è analizzato anche il ruolo di alcune variabili nell’influenzare le strategie precauzionali: le conoscenze sull’HIV, la percezione del rischio di contagio, gli atteggiamenti verso il preservativo, le stime circa la sua diffusione fra coetanei ed amici, la frequenza di uso del preservativo (nei sessualmente attivi). E' stato somministrato un questionario a 268 adolescenti (14-18 anni) e 190 giovani (19-25 anni), maschi e femmine, non inseriti in percorsi scolastici. I risultati confermano che i non studenti sono un gruppo a rischio di contagio da HIV per il non uso sistematico del preservativo, le scarse intenzioni di proteggersi nei rapporti futuri e un basso livello di conoscenze circa le vie di trasmissione del virus. Le principali determinanti dei comportamenti protettivi sono gli atteggiamenti verso il profilattico e le norme del gruppo di riferimento. Le conoscenze sull’HIV, sebbene non incidano sul comportamento, risultano importanti nell’influenzare le intenzioni di proteggersi, soprattutto nelle situazioni potenzialmente più a rischio.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Bruna Zani, Elvira Cicognani, I non studenti e l'AIDS: comportamenti a rischio e strategie di prevenzione in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2002, pp , DOI: