Influenze dell'esito di un test per la trombofilia Ereditaria sul sistema di credenze, atteggiamenti e sulla percezione di rischio

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Elisabetta Razzaboni, Paola Gremigni, Pio Enrico Ricci Bitti, Cristina Legnani, Gualtiero Palareti
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. Dimensione file: 83 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Uno degli obiettivi dello screening per la Trombofilia Ereditaria (TE) è quello di incentivare l’adesione a questo esame di tutti i soggetti che possono rientrare in una delle categorie a rischio. A tal fine è necessario indagare quali siano le opinioni degli individui nei confronti di questo screening. Lo scopo della ricerca, quindi, è stato quello di valutare in che modo il sottoporsi ad un esame per la TE e riceverne l’esito influenzi le opinioni sviluppate dai soggetti nei confronti di tale screening e della sua utilità. 36 soggetti riceventi un esito positivo sono stati confrontati con 104 soggetti riceventi un esito negativo. I soggetti hanno compilato dei questionari che avevano lo scopo di indagare le credenze e le conoscenze sull’esame, la soddisfazione per le spiegazioni ricevute, l’utilità della conoscenza dei Fattori di Rischio e la percezione di gravità dei risultati, in due diversi momenti: prima di eseguire le analisi e dopo 20 giorni dal ricevimento dell’esito. I risultati mostrano che: in entrambi i gruppi è presente un miglioramento delle conoscenze; nei positivi la soddisfazione è maggiore, ma in loro è minore la percezione di gravità dei risultati. In conclusione si può ritenere che, l’informazione riguardante l’esito dello screening per la TE può indurre lo sviluppo di un atteggiamento favorevole nei suoi confronti.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Elisabetta Razzaboni, Paola Gremigni, Pio Enrico Ricci Bitti, Cristina Legnani, Gualtiero Palareti, Influenze dell'esito di un test per la trombofilia Ereditaria sul sistema di credenze, atteggiamenti e sulla percezione di rischio in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2002, pp , DOI: