La costruzione sociale della domanda di aiuto psicologico in Italia

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Albino Claudio Bosio, Davide Margola
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 14 P. Dimensione file: 77 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

I rapporti tra senso comune, domanda di aiuto psicologico e azione clinico-terapeutica sono qui indagati sia sul piano teorico, sia sul piano empirico. In particolare, si è inteso esplorare, su vasta scala, le dimensioni e le modalità con cui la domanda di aiuto psicologico viene costruita a livello naïf, ancorando tale costruzione alla questione aperta relativa alla professionalizzazione della psicologia. L’indagine di tipo quantitativo è stata condotta su un campione casuale di 2000 casi, rappresentativo della popolazione italiana, ed ha considerato 5 aree di analisi: (1) natura e frequenza del malessere psicologico a livello demoscopico; (2) principali interlocutori della richiesta di aiuto; (3) strategie di fronteggiamento in risposta al malessere; (4) propensione verso la consultazione psicologica; (5) confronto con le modalità di gestione della salute a fronte di problemi bio-fisici (disturbo, malattia cronica). I risultati mostrano come l’esperienza del malessere psicologico sia non solo ampiamente diffusa e frequente, ma anche prevalentemente gestita sulla base del senso comune e di un orientamento per lo più inerziale. La prospettiva di un incontro con una risposta specialistica emerge come un evento minoritario, di gran lunga più contenuto rispetto a quanto si osserva in riferimento alla gestione dei problemi di salute fisica. Il segmento di popolazione orientato alla consultazione dello psicologo si delinea come più evoluto nelle aspirazioni e propensioni in materia di salute e benessere.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Albino Claudio Bosio, Davide Margola, La costruzione sociale della domanda di aiuto psicologico in Italia in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2002, pp , DOI: