Il cogito fra continuità e successione
Titolo Rivista: RIVISTA DI STORIA DELLA FILOSOFIA 
Autori/Curatori:  Alberto Pala 
Anno di pubblicazione:  2004 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 Dimensione file:  116 KB
 

Il cogito fra continuità e successione (di Alberto Pala) - ABSTRACT: Della tesi caretsiana sul continuo pensare in atto viene esaminata l’argomentazione prodotta dal suo autore per sostenerla. Dapprima viene ripreso il ragio¬namento sulla continuità del pensare e del suo essere sempre in atto, e poi si ragiona sulle proposizioni portatrici di quella tesi. Si vedrà che l’enunciato sulla continuità del pensare va incontro a considerevoli difficoltà sia quando afferma che per effetto dell’emendatio ossia la fase in cui la mens si è liberata dalle opinioni dubbie o inganne¬voli le sostituisce con altre migliori, sia per ef¬fetto della temporalità degli atti della mente. L’indagine riguarda dunque quelle formulazioni lessiacali in cui il filosofo ha scritto che la mente semper actu cogitat, e in cui ha impiegato le forme verbali cogito e sum cogitans.


Alberto Pala, in "RIVISTA DI STORIA DELLA FILOSOFIA" 3/2004, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche