Il fattore quantitativo nelle trasformazioni che si osservano durante il processo psicoanalitico

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Stavroula Beratis
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 5-14 Dimensione file: 45 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Sin dal Progetto di una Psicologia, Freud sviluppa l’idea di un apparato psichico associato alle trasformazioni quantitative e qualitative dell’energia. Con la revisione della teoria delle pulsioni e il nuovo quadro dell’organizzazione psichica, l’Io, il Super-Io e l’Es diventano le tre aree della psiche responsabili del suo funzionamento sia latente che ma¬ni¬fe¬sto. Il fattore energetico quantitativo rimane però importante perché è associato alle tra¬sfor¬mazioni energetiche del funzionamento di queste tre aree. La centralità dell’oggetto nelle trasformazioni dell’energia e nel promuovere la funzione regolatrice dell’Io viene men¬¬zionata da Freud già all’epoca dei Tre saggi sulla teoria sessuale. Successivamente, nei suoi scritti l’oggetto contribuisce alla formazione dell’Io, nel processo di identificazione, at¬traverso le modifiche dell’energia investita. In psicoanalisi, il rapporto con l’oggetto trova la sua massima espressione nel transfert, il principale strumento trasformativo del lavoro a¬na¬litico. Freud paragona l’analista al fermento catalitico delle reazioni chimiche, che mo¬bi¬lita e al tempo stesso lega l’eccitazione. La funzione di holding dell’analista, il conte¬ni¬men¬to, la seduzione ottimale nel rapporto analista/analizzando e il fatto che l’ana¬li¬sta sap¬pia tol¬le¬rare e interpretare i derivati della pulsione primitiva legati all’oggetto e alle rap¬pre¬sen¬ta¬zio¬ni del Sé sono concetti che dimostrano l’importanza dell’ana¬li¬sta/og¬get¬to nel pro¬muo¬ve¬re la capacità di rappresentazione dell’Io. Il fattore quantitativo mantiene intatta la sua im¬por¬tanza nel processo psicoanalitico. Come forza mobilitante, contribuisce alla ne¬cessaria destabilizzazione, ma anche alla riorganizzazione, sotto una migliore regolazione dell’Io.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Stavroula Beratis, Il fattore quantitativo nelle trasformazioni che si osservano durante il processo psicoanalitico in "PSICOANALISI" 2/2006, pp 5-14, DOI: