La traccia percettiva: all'origine della pulsione di morte

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Ferruccio Bianchi
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 23 P. 15-37 Dimensione file: 111 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Un paziente al settimo anno di analisi sviluppa uno scompenso somatico con rischio di morte, che sembra essere frutto di una serie di acting inconsciamente autoprovocati. Ciò non trova riscontro nel funzionamento psichico di base, che è di tipo nevrotico, e ha richiesto all’analista un’approfondita riflessione, sulla base anche del suo controtransfert, sulla tendenza all’autodistruttività. L’autore propone degli sviluppi attorno al concetto freudiano di inscrizione primitiva dell’esperienza, differenziando tra di loro traccia percettiva (Tp) e traccia mnestica (Tm). La traccia percettiva è la prima inscrizione sul sistema neuro-psichico e non ha ancora caratteristiche psichiche. La sua trasformazione in traccia mnestica segna il passaggio al livello psichico più elementare, successive trasformazioni portano alle catene associative che caratterizzano il sistema inconsciopreconscio. La Tp si trasforma in Tm grazie alle ripetute esperienze di appagamento del bisogno del neonato da parte di chi l’accudisce. Ciò dà luogo allo sviluppo delle zone erogene, degli autoerotismi e dell’attività mentale desiderante, in altre parole alla pulsione libidica o di vita. La traccia percettiva non tradotta in traccia mnestica corrisponde, secondo l’autore, all’inscrizione dell’esperienza ripetuta di mancata soddisfazione dei bisogni. Costituisce un fuero, cioè una sacca entro l’apparato psichico, dove vige un funzionamento arcaico che mira alla scarica totale, riproducendo automaticamente l’esperienza primitiva del bisogno non appagato, che causò un intenso disagio e, al limite, un rischio di morte. La Tp sarebbe all’origine della autodistruttività e della pulsione di morte.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Ferruccio Bianchi, La traccia percettiva: all'origine della pulsione di morte in "PSICOANALISI" 2/2006, pp 15-37, DOI: