Clicca qui per scaricare

Kurt Lewin: una psicologia sociale eterodossa per la psicologia di comunità?
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’ 
Autori/Curatori: Francesco Paolo Colucci 
Anno di pubblicazione:  2006 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 37-50 Dimensione file:  88 KB

L’influenza di Lewin sulla psicologia di comunità può essere rivitalizzata se si supera la genericità che continua a caratterizzare la sua eredità. Si propone a tal fine una riflessione sulla centralità in Lewin del problema del cambiamento che, da una parte, si connette alla sua concezione di psicologia galileiana e rinvia inoltre al rapporto con la dinamica psicologica e quindi a quello con Freud rimosso dalla psicologia sociale accademica dall’altra, essendo il cambiamento non solo spiegato ma prodotto, porta alla ricerca-azione. Le radici teoriche di quest’ultima il rapporto tra teoria e pratica rinviano a una tradizione di pensiero rappresentata: oltre che da Galileo, da autori quali Bacone e Vico e che, attraversando la filosofia moderna, ha trovato la sua più compiuta realizzazione nel marxismo. Si pone allora la questione del rapporto di Lewin con il pensiero marxista e con la Scuola Storico Culturale: rapporto che, come si argomenta, non può essere rimosso o escluso. La riscoperta delle radici teoriche della ricerca-azione, insieme al superamento delle rimozioni e alla accettazione della eterodossia della psicologia scomoda di Lewin possono rendere più efficace il suo contributo alla psicologia di comunità.


Francesco Paolo Colucci, in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 2/2006, pp. 37-50, DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche