Click here to download

Alcune vicissitudini del sentimento del valore altrui, della responsabilità e della colpa nell'omicidio a partire da Delitto e castigo
Journal Title: PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE 
Author/s: Antonio Maria Ferro, Paolo Francesco Peloso, Luigi Ferrannini 
Year:  2007 Issue: Language: Italian 
Pages:  20 Pg. 171-190 FullText PDF:  163 KB

Partendo dall’assassinio della vecchia usuraia e della sorella in Delitto e castigo di Dostoëvskij, gli autori propongono di identificare nel sentimento del valore dell’altro, concetto prossimo a quello di empatia, un elemento che deve essere assente, o almeno temporaneamente sospeso, perché l’omicidio possa essere compiuto. Analizzano quindi le vicissitudini del sentimento del valore dell’altro, di quello della propria responsabilità e di quello della colpa in 14 diverse situazioni di omicidio o grave danno all’altra persona, alcune delle quali già prese in considerazione negli studi dedicati da Cesare Lombroso e Enrico Ferri al delitto e all’omicidio. All’affermazione di Ferri che l’assassino è in tutto diverso da noi, sul piano biologico e psicologico, gli autori contrappongono l’ipotesi che egli non sia così diverso. Si interrogano infine su come le professioni di aiuto possano entrare in contatto con queste persone e sostenerle.

Antonio Maria Ferro, Paolo Francesco Peloso, Luigi Ferrannini, in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 2/2007, pp. 171-190, DOI:

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content