«Olimpionica». Tra "fascistizzazione" e "italianizzazione" dello sport nella propaganda fascista dei tardi anni Venti

Titolo Rivista: MEMORIA E RICERCA
Autori/Curatori: Maddalena Carli
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 27 Lingua: English
Numero pagine: 11 P. 79-89 Dimensione file: 100 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>«Olimpionica». Fascistization and Italianization of sport in the fascist propaganda of late twenties/em> ABSTRACT: In spite of triunphalist tones of the official propaganda, the institutional re-assessment started in 1925 with the nomination of Lando Ferretti at the presidency of CONI, was far from being an ultimate solution to the difficult condition of the maximum sport bureau of Italy: being fascist it should be nationalized. The article will propose some considerations on the polarization characterizing the regime sport politics in the second part of the 20s starting from traces we can find in a mi-nor magazine: Olimpica (1927-28), informal tribune of CONI during the delicate biennium of its transformation in agency depending on the fascist national party and of the preparation to the Olympic Games of Amsterdam in 1928.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Maddalena Carli, «Olimpionica». Tra "fascistizzazione" e "italianizzazione" dello sport nella propaganda fascista dei tardi anni Venti in "MEMORIA E RICERCA " 27/2008, pp 79-89, DOI: