L’invariante architettonica del poché

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Chiara Toscani
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 47 Lingua: Italiano
Numero pagine: 5 P. 187-191 Dimensione file: 1311 KB
DOI: 10.3280/TR2008-047021
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>The poché architectural invariant</em> - This paper attempts to summarise the Poché architectural invariant by means of a few crucial steps, focusing particularly on its use in Le Corbusier’s composition poetics. Although short, this discussion offers the chance to rediscover some of the properties that the Poché invariant activates in architectural composition such as interference, hybridation and deformation. They are properties which thanks to the later theoretical support of Venturi and Rowe, should be of interest for an analytical and critical reading of some contemporary design projects, the most structured of which would seem to a theoretical revisiting of Eisenman.

Chiara Toscani, L’invariante architettonica del poché in "TERRITORIO" 47/2008, pp 187-191, DOI: 10.3280/TR2008-047021