Un sistema imperfetto: il Gold Standard e i suoi critici (1870-1914)

Titolo Rivista: STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO
Autori/Curatori: Rosario Patalano
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 51 P. 63-113 Dimensione file: 1288 KB
DOI: 10.3280/SPE2009-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>Un sistema imperfetto: il Gold Standard e i suoi critici (1870-1914)</em> - This paper examines the debate on the gold standard from 1870 to 1914. In this period the gold standard becomes the world’s monetary regime, but this political success is disputed by a considerable part of the coeval economic theory. The different critical positions showed the imperfections of the gold standard and the critical economists proposed several solutions. The most radical solutions wished a return to the bimetallic regime or the adoption of experimental system, like the symmetallism proposed by Marshall. Other critical positions were direct towards attempts of reforms, which leaded to the definition of the principles of the gold exchange standard, destined later on to regulate, without success, the international monetary regime after the World War One, and then to be reproposed at the Bretton Woods Conference and to become the basis of a long period of monetary stability.

Rosario Patalano, Un sistema imperfetto: il Gold Standard e i suoi critici (1870-1914) in "STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO" 2/2009, pp 63-113, DOI: 10.3280/SPE2009-002004