L’AIDS, una malattia come le altre? Rappresentazioni sociali dell’HIV/AIDS in un campione di soggetti adulti

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Tiziana Mancini, Nadia Monacelli, Chiara Foà, Luca Caricati
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 28 P. 5-32 Dimensione file: 815 KB
DOI: 10.3280/PSD2010-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Lo studio è parte di un progetto finanziato nel 2007 dall’ISS finalizzato a cogliere i motivi che possono favorire o ostacolare l’accesso al test per l’HIV. L’obiettivo dello studio presentato era quello di cogliere alcuni aspetti descrittivi delle rappresentazioni sociali dell’HIV e dell’AIDS attivando due piani della conoscenza: quello evocativo-emotivo e quello razionale- cognitivo. Un questionario semi-strutturato è stato somministrato a 307 partecipanti. I risultati mostrano come, da un punto di vista evocativo-emotivo, sia possibile cogliere una sostanziale equivalenza fra l’immagine dell’AIDS e quella dell’HIV. Queste rappresentazioni enfatizzano, da un lato, una concezione di AIDS/HIV basata prevalentemente su contenuti propri delle conoscenze scientifiche, dall’altro concezioni in cui prevale la dimensione valutativo-morale. È solo a seguito di un’attivazione mediata cognitivamente che i partecipanti riconoscono più chiaramente la differenza fra HIV e AIDS. In questo caso, essi sono consapevoli che l’HIV non sia la stessa cosa dell’AIDS e che essere sieropositivi non equivalga ad essere malati di AIDS. Vengono discusse le implicazioni di tali risultati per le campagne preventive.

  • AIDS as social construction: text mining of AIDS-related information in the Italian press Andrea Caputo, Agnese Giacchetta, Viviana Langher, in AIDS Care /2016 pp.1171
    DOI: 10.1080/09540121.2016.1153591
  • La "peste del secolo" nella stampa italiana: le rappesentazioni dell'AIDS negli anni '80 e 2000 a confronto Agnese Giacchetta, Andrea Caputo, Viviana Langher, in PSICOLOGIA DELLA SALUTE 1/2016 pp.90
    DOI: 10.3280/PDS2016-001009

Tiziana Mancini, Nadia Monacelli, Chiara Foà, Luca Caricati, L’AIDS, una malattia come le altre? Rappresentazioni sociali dell’HIV/AIDS in un campione di soggetti adulti in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2010, pp 5-32, DOI: 10.3280/PSD2010-001001