La depressione materna nella transizione alla genitorialità: attaccamento, problematiche psicopatologiche ed eventi di vita stressanti come fattori di rischio

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Rosalinda Cassibba, Caterina Balenzano, Anna Santa Settanni
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 22 P. 73-94 Dimensione file: 659 KB
DOI: 10.3280/PDS2010-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Lo studio intende analizzare l’evoluzione della depressione materna nella transizione alla genitorialità, valutando il ruolo di alcuni fattori di rischio quali l’insicurezza dell’attaccamento, la presenza di problematiche psicopatologiche e di eventi di vita stressanti. La ricerca, condotta su un campione di 30 primipare (età: M = 31.60; d.s. = 4.12) ha previsto un disegno longitudinale. Nella prima rilevazione, al 3° trimestre di gravidanza, sono state somministrate l’Edinburgh Depression Scale (EDDS, Cox, Holden e Sagovsky, 1987); la Mini-International Neuropsychiatric Interview (MINI, Sheehan et al., 1998); la Scala degli Eventi Stressanti (Paykel et al., 1980) e l’Attachment Style Interview (ASI: Bifulco et al., 2002). A 10 giorni e a 3 mesi dopo il parto, è stata prevista solo la somministrazione telefonica dell’EDDS. Le analisi dei dati hanno messo in luce un decremento lineare della depressione dalla gravidanza al postnatale e un’associazione significativa tra la depressione prenatale e postnatale e tutti e tre i fattori di rischio considerati; tali fattori sono, a loro volta, significativamente associati tra loro. I risultati ottenuti sottolineano la possibilità di individuare i fattori di rischio per la genitorialità già in gravidanza e l’utilità, di conseguenza, di implementare interventi di sostegno al fine di rendere meno problematica l’assunzione del ruolo genitoriale e la strutturazione della relazione madre-bambino.

Rosalinda Cassibba, Caterina Balenzano, Anna Santa Settanni, La depressione materna nella transizione alla genitorialità: attaccamento, problematiche psicopatologiche ed eventi di vita stressanti come fattori di rischio in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 2/2010, pp 73-94, DOI: 10.3280/PDS2010-002006