Diversi regimi terapeutici nel trattamento di bambini affetti da malattia emorragica congenita: processi di scelta e ricadute sul benessere psicosociale del paziente e della sua famiglia

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Sabrina Bertocchi, Francesca Emiliani, Silvia Potì, Laura Palareti
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 26 P. 65-90 Dimensione file: 633 KB
DOI: 10.3280/PDS2010-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Un tratto caratteristico delle malattie emorragiche congenite (di cui la più diffusa è l’emofilia) è l’imprevedibilità dell’evento emorragico, della sua durata e della sua severità, da cui consegue una condizione di continua incertezza sulle modalità e la tempestività necessarie per l’intervento. Il superamento di questa condizione è oggi possibile attraverso l’infusione del fattore di coagulazione mancante. Quest’ultima può essere attuata tramite due modalità: profilassi e terapia al bisogno. Questo studio ha come obiettivo la comprensione approfondita delle condizioni che favoriscono o che invece ostacolano l’adesione a forme diverse di trattamento terapeutico, in particolare profilassi e terapia al bisogno, in famiglie con bambini affetti da emofilia. Sono stati intervistati congiuntamente i genitori di 11 famiglie con figli emofilici in età evolutiva, residenti a Bologna e provincia che aderivano a trattamenti differenziati (profilassi o terapia al bisogno). I risultati mostrano come le due diverse forme di terapia siano collegate a differenti rappresentazioni della malattia e a diverse modalità di funzionamento familiare. La profilassi si conferma la terapia che maggiormente si accompagna ad uno stile di vita normalizzato sia per il bambino che per l’intera famiglia.

  • Exploring Services Science Maddalena Sorrentino, Marco De Marco, Cecilia Rossignoli, pp.649 (ISBN:978-3-319-32688-7)

Sabrina Bertocchi, Francesca Emiliani, Silvia Potì, Laura Palareti, Diversi regimi terapeutici nel trattamento di bambini affetti da malattia emorragica congenita: processi di scelta e ricadute sul benessere psicosociale del paziente e della sua famiglia in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2010, pp 65-90, DOI: 10.3280/PDS2010-003005