Analisi della domanda e dei bisogni psicologici in un reparto di ginecologia oncologica

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Valentina Di Mattei, Anna Rosa Bisceglie, Cristina Sigismondi, Giorgia Mangili, Antonio Prunas, Lucio Sarno
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 14 P. 131-144 Dimensione file: 548 KB
DOI: 10.3280/PDS2010-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli ultimi quindici anni si è assistito, in ambito oncologico, a una crescita dell’interesse per lo studio della qualità della vita. A differenza delle donne colpite da cancro al seno per le quali esistono da anni numerose associazioni che si occupano di offrire un sostegno psico-educazionale e psicoterapeutico, le donne colpite da tumore ginecologico non possono contare su una tale ricchezza di risorse e possono quindi essere considerate più a rischio di isolamento sociale. Il presente studio si prefigge di indagare, in un campione di 67 pazienti ricoverate presso il reparto di Ginecologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano, la percezione del bisogno di un supporto di tipo psicologico e la presenza di sofferenza psicologica, in particolare, di manifestazioni ansiose e depressive, ponendole in associazione ad alcune variabili relative al tipo di trattamento intrapreso. I dati a nostra disposizione suggeriscono che, per quanto vissuti di ansia, depressione e angoscia siano frequentemente associati all’esperienza del ricovero, non emergono differenze significative al confronto tra pazienti ricoverate per patologia oncologica e non oncologica. È emersa prevalentemente la necessità di seguire il malato oncologico con competenze psicologiche specifiche, sensibilizzando quanto più possibile anche il personale medico ed infermieristico. I risultati della presente ricerca, per quanto preliminari, forniscono importanti spunti di riflessione relativamente ai bisogni psicologici delle pazienti con disturbi ginecologici di natura oncologica e non oncologica.

Valentina Di Mattei, Anna Rosa Bisceglie, Cristina Sigismondi, Giorgia Mangili, Antonio Prunas, Lucio Sarno, Analisi della domanda e dei bisogni psicologici in un reparto di ginecologia oncologica in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2010, pp 131-144, DOI: 10.3280/PDS2010-003007