La rappresentazione del sé corporeo in bambini con patologie croniche diversamente trattate

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Giovanna Perricone, Concetta Polizzi, M. Regina Morales, Francesco De Luca, Carmen Lo Pinto, Lorella Pitrolo, Emanuela Giudice
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 15 P. 51-65 Dimensione file: 685 KB
DOI: 10.3280/PDS2011-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il contributo presenta uno studio sulla rappresentazione del sé corporeo in bambini con patologie croniche diversamente trattate, al fine di esplorare possibili risorse funzionali alla gestione della condizione di rischio costituita dalla patologia; nello specifico, gli indicatori delle risorse vanno individuati, su un piano qualitativo, nell’adeguatezza dell’immagine del corpo, nell’integrità dell’immagine di sé, nell’integrazione di mappe cognitive e, su un piano quantitativo, nel quoziente di maturità cognitiva. Lo studio ha previsto il coinvolgimento di un gruppo di 52 bambini (età media 10 anni) di cui un 50% con patologie croniche che prevedono trattamenti invasivi, caratterizzati da "pratiche" sul corpo costanti che alterano la serenità del quotidiano (es. trasfusioni, cateteri venosi, iniezioni di insulina, microinfusioni), l’altro 50% con cardiopatie sottoposti a trattamenti solo farmacologici. L’indagine ha previsto l’uso del Disegno della Figura Umana. I risultati, pur mostrando, in generale, livelli medi di adeguatezza e di integrità corporea, sottolineano differenze statisticamente significative in relazione alla tipologia di trattamento, laddove i bambini sottoposti a trattamenti invasivi presentano livelli più elevati sia di adeguatezza che di integrità corporea. Relativamente al quoziente di maturità, invece, non si evidenziano differenze tra i due gruppi, sottolineando la presenza di alcune risorse cognitive funzionali all’adattamento alla patologia.

Giovanna Perricone, Concetta Polizzi, M. Regina Morales, Francesco De Luca, Carmen Lo Pinto, Lorella Pitrolo, Emanuela Giudice, La rappresentazione del sé corporeo in bambini con patologie croniche diversamente trattate in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2011, pp 51-65, DOI: 10.3280/PDS2011-001005