Il tempo virtuale nello sviluppo degli adolescenti: opportunità o rifugio?

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Emanuela Rabaglietti, Maria Fernanda Vacirca, Silvia Ciairano
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 67-82 Dimensione file: 600 KB
DOI: 10.3280/PDS2011-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

I giovani trascorrono parte del loro tempo quotidiano esplorando lo spazio virtuale offerto dalle nuove tecnologie, soprattutto il computer, utilizzato per studio o per svago. Attraverso questo studio condotto su 189 adolescenti di ambo i sessi, con un’età media di 16 anni e frequentanti la scuola media di secondo grado, ci proponiamo di: 1) descrivere il tempo giornaliero da essi dedicato all’uso del computer per studio e per svago, le relazioni tra questi due comportamenti e le differenze di genere, fascia d’età e tipo di scuola; 2) indagare nei due generi le relazioni fra tempo dedicato all’uso del computer per studio e per svago e: a) senso di alienazione e percezione positiva di sé; b) soddisfazione per l’esperienza scolastica e autoefficacia scolastica; c) autoefficacia sociale e regolatoria; d) popolarità nel contesto scolastico. I risultati (frequenze, correlazioni, medie, analisi della varianza fattoriale, analisi di regressione gerarchica) evidenziano che per gli adolescenti, soprattutto maschi e studenti di istituti tecnici e professionali, il computer per studio e per svago è un compagno con cui trascorrere parte del tempo quotidiano. Inoltre, le due attività al computer, formativa e di svago, sono molto legate. Infine, nei maschi emergono relazioni tra bassa popolarità e maggiore uso di computer per studio e tra bassa percezione di sé e maggiore uso di computer per svago; nelle ragazze la bassa soddisfazione per i risultati scolastici si associa ad un maggiore uso del computer per studio.

Emanuela Rabaglietti, Maria Fernanda Vacirca, Silvia Ciairano, Il tempo virtuale nello sviluppo degli adolescenti: opportunità o rifugio? in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2011, pp 67-82, DOI: 10.3280/PDS2011-001006