Analisi di sensitività al tasso di cambio: un’informazione utile per gli investitori?

Titolo Rivista: FINANCIAL REPORTING
Autori/Curatori: Marco Maria Mattei, Fabrizio Palmucci, Pietro Bonetti
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 30 P. 33-62 Dimensione file: 746 KB
DOI: 10.3280/FR2011-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il lavoro analizza gli effetti dell’entrata in vigore dell’IFRS 7, emanato dallo IASB con lo scopo di aumentare l’informazione sull’esposizione delle imprese ai rischi di mercato. La nostra ricerca indaga l’utilità per gli investitori dell’analisi di sensitività al rischio di tasso di cambio fornita dalle società quotate italiane. I risultati mostrano che prima dell’introduzione dell’IFRS 7 il mercato stimava erroneamente l’esposizione al tasso di cambio, mentre successivamente la sensitività dei rendimenti al tasso di cambio sembra allinearsi con le esposizioni dichiarate. Dall’analisi, inoltre, emerge che l’informazione sull’esposizione riduce la sensitività dei volumi al tasso di cambio. I nostri risultati integrano la letteratura statunitense fornendo evidenze di come un’analisi di sensitività anche <i>backward-looking</i> sia utile al mercato.

Marco Maria Mattei, Fabrizio Palmucci, Pietro Bonetti, Analisi di sensitività al tasso di cambio: un’informazione utile per gli investitori? in "FINANCIAL REPORTING" 2/2011, pp 33-62, DOI: 10.3280/FR2011-002003