Gruppo chiuso strutturato o gruppo aperto semistrutturato? Confronto tra due modalità di gestione del gruppo educativo in cardiologia riabilitativa

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Giacomo Baiardo, Gaia Savioli, Massimo Conti, Luca Corsiglia, Massimo Miglioretti
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 9-27 Dimensione file: 116 KB
DOI: 10.3280/PDS2011-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Obiettivi di questa ricerca sono presentare due diverse modalità di intervento educativo in cardiologia riabilitativa (CR) e valutarne l’efficacia in termini di miglioramento dello stato psicologico dei pazienti. Presso l’Istituto Cardiovascolare di Camogli sono stati reclutati 153 pazienti: 113 hanno partecipato ad un intervento di gruppo chiuso strutturato (gruppo di controllo) costituito da tre incontri con numero fisso di pazienti in cui si trattavano tematiche fondamentali in CR; gli altri 40 pazienti hanno partecipato al gruppo aperto semistrutturato (gruppo sperimentale) nato per meglio venire incontro alle esigenze dei pazienti ricoverati, che ha previsto almeno tre incontri per ciascun paziente. Tutti i pazienti sono stati valutati, all’ingresso e alle dimissioni, con una batteria di questionari indaganti diverse caratteristiche psicologiche. I risultati mostrano come le due modalità portino a esiti positivi sostanzialmente sovrapponibili nel breve termine. Se tali riscontri fossero confermati su gruppi più ampi, si potrebbero configurare per l’operatore importanti alternative organizzative, senza che l’intervento ne risenta in efficacia.

Giacomo Baiardo, Gaia Savioli, Massimo Conti, Luca Corsiglia, Massimo Miglioretti, Gruppo chiuso strutturato o gruppo aperto semistrutturato? Confronto tra due modalità di gestione del gruppo educativo in cardiologia riabilitativa in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 2/2011, pp 9-27, DOI: 10.3280/PDS2011-002002