Clicca qui per scaricare

L’angoscia dell’analista nel primo colloquio
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori: Mette Moller 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 5-18 Dimensione file:  318 KB
DOI:  10.3280/PSI2011-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autrice attribuisce l’angoscia dell’analista nel primo colloquio a un insieme di motivazioni interconnesse: il confronto con l’ignoto, con il paziente sconosciuto e con la partecipazione ignota dell’inconscio dell’analista stesso, la tentazione di diagnosticare e di escludere quando sopraffatti, gli anni che sono stati necessari per costruire un’identità analitica sicura e la sua continua instabilità. L’esitazione ad usare il supporto dei propri pari per rinforzare l’assetto analitico interno, perché la psicoanalisi come professione ha un ideale di funzionamento che è onnipotente e impossibile da raggiungere. Da questa prospettiva, non stupisce che una convinta raccomandazione all’analisi possa essere sviata nel corso della consulta zione. L’esperienza di come sia cambiato nel corso degli anni il nostro modo di discutere e l’atmosfera nei workshop fa sperare in futuri miglioramenti.


Keywords: Angoscia, consultazione, inconscio, identità psicoanalitica, controtransfert, difese



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Mette Moller, in "PSICOANALISI" 1/2011, pp. 5-18, DOI:10.3280/PSI2011-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche