L’avviamento nei bilanci aziendali: impairment test e disclosure

Titolo Rivista: FINANCIAL REPORTING
Autori/Curatori: Gabriele D'Alauro
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 33 P. 11-43 Dimensione file: 542 KB
DOI: 10.3280/FR2011-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’applicazione all’avviamento dell’<i>impairment</i> test costituisce uno dei temi maggiormente dibattuti in ambito internazionale, in relazione ai molteplici profili di soggettività insiti nei criteri di valutazione previsti dallo IAS 36 e al conseguente rischio che detta procedura possa costituire un potenziale strumento di politiche di bilancio. Attraverso un’indagine comparata dei bilanci di società quotate italiane e inglesi dal 2005 al 2008, si intende verificare il trattamento contabile dell’avviamento, in particolare nel caso di segnali di perdite di valore, nonché la corrispondente <i>disclosure</i> fornita al riguardo. Nella ricerca sono analizzate le relazioni intercorrenti tra entità della svalutazione dell’avviamento, valutazione dell’azienda riflessa dalle corrispondenti quotazioni di borsa, e grado di <i>disclosure</i> sull’avviamento. Presumendo che la qualità della <i>disclosure</i> esprima il livello di attendibilità con cui si sono applicate le disposizioni dello IAS 36, si verifica l’ipotesi che la mancata effettuazione di svalutazioni, pur in presenza di indicatori di perdite di valore dell’avviamento, conduca le aziende a fornire una <i>disclosure</i> sull’<i>impairment test</i> non completa né soddisfacente.

Gabriele D'Alauro, L’avviamento nei bilanci aziendali: <i>impairment test</i> e <i>disclosure</i> in "FINANCIAL REPORTING" 3/2011, pp 11-43, DOI: 10.3280/FR2011-003002