Un pensiero che non muore

Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA
Autori/Curatori: Eugenio Borgna
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 129-136 Dimensione file: 1887 KB
DOI: 10.3280/RSF2011-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo consente di cogliere i cambiamenti innovativi introdotti dai lavori di Enrico Morselli nella realtà psichiatrica italiana della prima metà del secolo scorso, allora radicata su una cultura positivistica, estranea sia alle influenze della psichiatria fenomenologica che della psicoanalisi. Viene ripercorso il cammino scientifico del Morselli e viene commentato il suo fondamentale lavoro del 1930, relativo alla paziente Elena, che amplia gli orizzonti di senso delle esperienze psicotiche, affermando la possibilità di una cura fondata sul dialogo e l’ascolto.

Eugenio Borgna, Un pensiero che non muore in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 3/2011, pp 129-136, DOI: 10.3280/RSF2011-003003