James Meade’s Liberalism

Titolo Rivista: HISTORY OF ECONOMIC THOUGHT AND POLICY
Autori/Curatori: Roger E. Backhouse
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 14 P. 61-74 Dimensione file: 88 KB
DOI: 10.3280/SPE2012-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

James Meade described himself as a liberal and used the term neo-classical to describe his economic theory but unlike many liberals he sought to improve the market economy. This paper explores Meade’s liberalism through analyzing his writings on planning, the market, justice and income distribution, concluding that he is best described, somewhat paradoxically, as a pragmatic visionary.

Roger E. Backhouse, James Meade’s Liberalism in "HISTORY OF ECONOMIC THOUGHT AND POLICY" 1/2012, pp 61-74, DOI: 10.3280/SPE2012-001005