Clicca qui per scaricare

Il contributo della pulsione di morte alla trasmissione transgenerazionale della vita psichica inconscia
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori: Amedeo Stella 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  32 P. 81-112 Dimensione file:  357 KB
DOI:  10.3280/PSI2012-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente lavoro propone un percorso di rivisitazione della nozione clinica di pulsione di morte, all’interno di una cornice costituita dalla teoria di Balint sul "difetto fondamentale", gli ultimi studi di Ferenczi sui contesti relazionali dei processi d’identificazione in rapporto al trauma, le riflessioni di Green sul "lavoro del negativo". Osservando il modo in cui queste tre prospettive s’incontrano nell’osservazione clinica, è possibile affermare che il vettore inconscio della trasmissione transgenerazionale del trauma è rappresentato dalla situazione in cui l’area del difetto fondamentale costituisce un elemento fondamentale del campo intersoggettivo inconscio. Il lavoro collusivo inconscio compiuto dall’area del difetto fondamentale e dalle identificazioni negative genera processi di defusione pulsionale, di scissione e d’idealizzazione che finiscono per liberare, anche a dispetto delle intenzioni coscienti, quote significative di pulsione di morte, odio e invidia, che costituiscono nuclei insidiosi di distruttività. L’efficacia di queste ipotesi è supportata attraverso l’esame di due casi clinici.


Keywords: Pulsione di morte, difetto fondamentale, transgenerazionale, identificazione negativa, lavoro del negativo, defusione.

Amedeo Stella, in "PSICOANALISI" 1/2012, pp. 81-112, DOI:10.3280/PSI2012-001006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche