Vestirsi di serie

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE
Autori/Curatori: Antonella Mascio
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 43 Lingua: English
Numero pagine: 14 P. 203-216 Dimensione file: 106 KB
DOI: 10.3280/SC2012-043014
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo tratta di determinati usi che le audience fanno di specifiche serie televisive, in particolare di quelle che comprendono fra i propri sviluppi narrativi storie, ambiti o personaggi legati al tema della moda. L’elemento "moda" appare come una novità: ha assunto una propria autonomia rispetto all’idea di "costume" e ha acquisito un ruolo significativo all’interno della narrazione mediale. L’ipotesi di fondo è che la moda (e l’abbigliamento) possano configurarsi come un livello meta- narrativo capace di attrarre specifici pubblici interessati non solo alle storie raccontate nelle serie, ma anche ai discorsi sulla moda, agli outfit dei personaggi, ai mondi possibili (in fondo non così distanti dalla realtà) che là vengono mostrati e messi in scena.

Antonella Mascio, Vestirsi di serie in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 43/2012, pp 203-216, DOI: 10.3280/SC2012-043014