Intelligenza emotiva e consumo di eroina

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Maria Grazia Monaci, Rosanna Trentin
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 12 P. 127-138 Dimensione file: 170 KB
DOI: 10.3280/PDS2012-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le evidenze empiriche sulla relazione fra intelligenza emotiva (IE) e consumo di sostanze psicoattive sono ancora scarse e spesso contraddittorie. Il presente studio indaga la relazione fra IE e consumo di una sostanza illecita e potenzialmente in grado di indurre dipendenza quale l’eroina. L’ipotesi di partenza è che una bassa IE sia associata al consumo di eroina. Vengono inoltre esaminate le relazioni fra IE e altri costrutti generalmente considerati negli studi sul consumo di sostanze, in particolare l’health locus of control, gli stili di coping e le emozioni associate all’eroina, controllando inoltre gli effetti del genere. In base alle evidenze precedenti, si è ipotizzato che l’IE mostri relazioni significative con comportamenti adattivi. Un gruppo di tossicodipendenti in trattamento per dipendenza da eroina (44, F = 14) è stato confrontato con un gruppo di controllo (48, F = 22) di persone non tossicodipendenti ma con caratteristiche socio-demografiche simili. Una misura globale di IE è stata ottenuta tramite la versione italiana dello strumento di Schutte e colleghi. I risultati evidenziano la presenza di una correlazione positiva dell’IE con uno stile di coping adattivo quale il confronto diretto, e negativa con l’evitamento nei soli tossicodipendenti, nonché con le emozioni a basso arousal, positive nei tossicodipendenti e negative nei non consumatori, confermando parzialmente le ipotesi. Non emergono invece relazioni fra IE e consumo di eroina. L’IE si conferma più connessa a comportamenti esplorativi dell’ambiente e alla regolazione affettiva, mentre non sembra direttamente connessa a comportamenti di consumo di sostanze.

Maria Grazia Monaci, Rosanna Trentin, Intelligenza emotiva e consumo di eroina in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2012, pp 127-138, DOI: 10.3280/PDS2012-003008