Politica e religione dal centrismo al centro-sinistra. Luigi gedda, i Comitati Civici, l’azione Cattolica e la Santa Sede

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Michele Marchi
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 47 P. 43-89 Dimensione file: 474 KB
DOI: 10.3280/MON2013-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il presente saggio rappresenta una riflessione sul complicato rapporto tra politica e religione nel contesto dell’Italia post-bellica, tra la fase di ricostruzione e quella di trasformazione del paese in una moderna democrazia del benessere. Il punto di osservazione scelto è quello della figura di Luigi Gedda, indiscusso protagonista perlomeno del primo ventennio repubblicano. Il saggio si concentra sugli anni della presidenza Gedda dell’Azione cattolica e su quelli alla guida del Comitato civico nella fase di contrasto alla nascita del centro-sinistra, dunque sul suo complicato rapporto con il "partito unico dei cattolici", ma anche sull’evoluzione interna all’apostolato dei laici e al multiforme mondo della Santa Sede e della nascente Conferenza episcopale. La figura di Gedda e la sua peculiare maniera di declinare prima la "supplenza politica" delle gerarchie ecclesiastiche, poi il collateralismo, per giungere agli anni del processo di autonomizzazione da parte della leadership democristiana, costituiscono la cartina al tornasole di una complessiva evoluzione politica, economica, sociale e morale del paese, della sua classe di governo (in larga parte democristiana) e dei suoi cittadini, travolti da una potente quanto improvvisa trasformazione degli usi e dei costumi che condurrà all’inevitabile declino dell’Italia cattolica e di un certo approccio al rapporto tra politica e religione.

Michele Marchi, Politica e religione dal centrismo al centro-sinistra. Luigi gedda, i Comitati Civici, l’azione Cattolica e la Santa Sede in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2013, pp 43-89, DOI: 10.3280/MON2013-001002