Le bande di guerra del commissariato dell’Achele Guzai (Eritrea, 1910)

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Alessandro Volterra
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 95-114 Dimensione file: 710 KB
DOI: 10.3280/MON2013-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il documento pubblicato risale al 1910 e riguarda le bande di guerra dello Scimezana e dell’Achele Guzai. È uno dei più interessanti documenti coloniali italiani fra quelli conservati nell’archivio del Commissariato di Adi Caièh, oggi conservato a Mendefera (Eritrea). Il valore di questa relazione è dovuto al fatto che sulle bande, per la loro peculiarità, i documenti spesso sono imprecisi o reticenti, mentre quello pubblicato getta una luce nuova sull’utilizzo di queste unità irregolari utilizzate sia come unità militari, sia come unità volte a mantenere l’ordine pubblico. L’elemento di interesse è che le bande da una parte e i battaglioni coloniali d’altra parte sono due modi sostanzialmente differenti di intendere la presenza militare in colonia, specie nella sua prima fase, al fine di assicurare un’efficace difesa del territorio.

Alessandro Volterra, Le bande di guerra del commissariato dell’Achele Guzai (Eritrea, 1910) in "MONDO CONTEMPORANEO" 2/2013, pp 95-114, DOI: 10.3280/MON2013-002003