1977, "italien steht nicht stille". un profilo politico e sociale dell’Italia: Der Spiegel, Die Zeit e Frankfurter Allgemeine

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Laura Fasanaro
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 17 P. 165-181 Dimensione file: 80 KB
DOI: 10.3280/MON2014-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il 1977 rappresenta una sorta di tappa simbolica dei problemi cruciali della storia italiana degli anni Settanta (ravvivarsi della contestazione studentesca, crisi economica, terrorismo, "compromesso storico", difficoltà sulla scena internazionale) ancora in gran parte da esplorare, soprattutto per quanto riguarda la percezione che dell’Italia e delle sue trasformazioni ebbero i suoi alleati. Il saggio analizza le prospettive dell’opinione pubblica tedesco occidentale, attraverso tre testate ad ampia diffusione nazionale e internazionale, come Der Spiegel, Die Zeit e Frankfurter Allgemeine. Emergono i contorni di una rappresentazione che sfiora spesso lo stereotipo e che si concentra sulle contraddizioni della "solidarietà nazionale", sul dilemma del Pci come partito di governo, sull’eurocomunismo come fenomeno internazionale, sul disagio giovanile e sulla violenza diffusa e incontrollata.

Laura Fasanaro, 1977, "italien steht nicht stille". un profilo politico e sociale dell’Italia: Der Spiegel, Die Zeit e Frankfurter Allgemeine in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2014, pp 165-181, DOI: 10.3280/MON2014-001011