Clicca qui per scaricare

Sala d’attesa: numerosità e occupazione delle generazioni in Italia
Titolo Rivista: PRISMA Economia - Società - Lavoro 
Autori/Curatori: Gabriele Morettini 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 28-43 Dimensione file:  78 KB
DOI:  10.3280/PRI2014-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo propone una riflessione sul tema dei rapporti tra generazioni in Italia. L’esame di alcuni dati strutturali evidenzia come nel 2011 le coorti dei baby boomers (in età tra i 40 e 64 anni) e dei baby busters (15-39 anni) presentino forti differenze in termini di consistenza e di inserimento occupazionale. I divari sono particolarmente elevati, sia rispetto al passato che alle altre nazioni europee. La presenza di coorti caratterizzate da bassa consistenza numerica e diffusa disoccupazione contraddice il paradigma di Easterlin, che lega la parabola umana e professionale di un individuo all’ampiezza della propria generazione. Le attuali prospettive occupazionali dei giovani italiani sono ridotte dall’avversa congiuntura economica, dall’aspra e crescente competizione globale, da un mercato del lavoro congestionato dalle precedenti generazioni, più numerose e protette da tutele estese ed incisive. Questi problemi sono amplificati dai limiti del contesto italiano, caratterizzato da bassa mobilità sociale, scarsa valorizzazione dell’istruzione e marginale attenzione all’universo giovanile. Il disagio è parzialmente temperato dalle coorti più anziane, che offrono ai giovani un sostegno cruciale in termini di reddito, disponibilità abitativa, garanzie finanziarie. La metafora della "fila" concilia la tesi di Easterlin con i fatti stilizzati emersi dallo studio dei dati ed evidenzia l’esistenza di un vasto problema generazionale che impone tempestivi interventi per incentivare il ricambio occupazionale, favorire la mobilità sociale e valorizzare le competenze di molti ragazzi, costretti a macerarsi nella logorante e spesso vana attesa di un lavoro "degno".


  1. Easterlin R., (1968) Population, labor force and long swings in economic growth, National Bureau of Economic Growth, New York.
  2. Easterlin R., (1987) Birth and fortune. The impact of numbers on personal welfare, 2d ed., The university of Chicago Press, Chicago.
  3. Istat, (2006) “La mobilità sociale”, Informazioni, n.22, Istat, Roma.
  4. Istat, (2012) “Diseguaglianze, equità e servizi ai cittadini”, Rapporto annuale 2012, Istat, Roma, cap. 4.
  5. Serra M., (2013) Gli sdraiati, Feltrinelli, Roma.



  1. Marco Socci, Giovani e anziani nel mercato del lavoro tra solidarietà e conflitto in PRISMA Economia - Società - Lavoro 3/2016 pp. 54, DOI: 10.3280/PRI2015-003006

Gabriele Morettini, in "PRISMA Economia - Società - Lavoro" 2/2014, pp. 28-43, DOI:10.3280/PRI2014-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche