Click here to download

Nuovi modelli imprenditoriali, tendenze e politiche di sostegno
Journal Title: PRISMA Economia - Società - Lavoro 
Author/s: Donato Iacobucci 
Year:  2014 Issue: Language: Italian 
Pages:  14 Pg. 101-114 FullText PDF:  78 KB
DOI:  10.3280/PRI2014-002009
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


La crisi internazionale del 2009 e la fase recessiva che ha interessato l’Italia nell’ultimo triennio hanno colpito il sistema manifatturiero regionale in modo maggiore di quanto avvenuto nella media nazionale. Le ragioni di ciò vanno ricercate nel peculiare modello di specializzazione della regione e nel conseguente modello di innovazione, scarsamente fondato sulle attività di ricerca. A partire dall’analisi di questi aspetti il lavoro sottolinea l’importanza di favorire l’avvio di nuove imprese in settori a più alto contenuto di conoscenza; tali imprese possono contribuire a diversificare il sistema produttivo e a fornire maggiore contenuto di innovazione alle attività esistenti. Ciò comporta lo sviluppo di nuovi modelli di attivazione imprenditoriale rispetto a quelli prevalenti nel passato. Si tratta di iniziative promosse da giovani con scarsa esperienza lavorativa ma con elevati livelli di istruzione ed un più stretto collegamento con le attività di ricerca. Il principale problema cui si trovano di fronte tali iniziative è costituito dal reperimento di adeguate risorse finanziarie. Dato il maggiore contenuto immateriale delle nuove attività d’impresa e gli elevati rischi, le risorse finanziare non possono essere fornite dalle banche ma debbono essere acquisite come capitale di rischio. Il lavoro si conclude con alcune indicazioni sugli interventi di policy che potrebbero favorire l’avvio e lo sviluppo delle nuove iniziative ad alto contenuto di conoscenza.

  1. Cohen W. M. and Levinthal D. A., (1990) “Absorptive Capacity: A New Perspective on Learning and Innovation”, Administrative Science Quarterly, vol. 35, pp. 128-152., DOI: 10.2307/239355
  2. European Commission, (2011) High-Level Expert Group on Key Enabling Technologies, Final Report
  3. Fuà G. and Zacchia C., (1983) Industrializzazione Senza Fratture, il Mulino, Bologna
  4. Iacobucci D. and Micozzi A., (2012) “Entrepreneurship Education in Italian Universities: Trend, Situation and Opportunities”, Education + Training, vol. 54, pp. 673-696
  5. Iacobucci D., Micozzi A. and Micucci G., (2013) “Gli Spin-off Universitari in Italia : Un quadro del fenomeno e un’analisi della Governance e della performance”, L’industria. Rivista di economia e politica industriale, pp. 761-784
  6. Iacobucci D. and Rosa P., (2010) “The Growth of Business Groups by Habitual Entrepreneurs: The Role of Entrepreneurial Teams”, Entrepreneurship Theory & Practice, vol. 34, pp. 351-377., DOI: 10.1111/j.1540-6520.2010.00378.
  7. ISTAT, (2006) Distretti Industriali E Sistemi Locali Del Lavoro 2001, ISTAT, Roma
  8. Jensen M., Johnson B., Lorenz E. and Lundvall B., (2007) “Forms of Knowledge and Modes of Innovation”, Research Policy, vol. 36, pp. 680-693., DOI: 10.1016/j.respol.2007.01.00
  9. Lawton Smith H. and Ho K., (2006) “Measuring the Performance of Oxford University, Oxford Brookes University and the Government Laboratories, Spin-off Companies”, Research Policy, vol. 35, pp. 1554-1568., DOI: 10.1016/j.respol.2006.09.02
  10. Shane S., (2009) “Why Encouraging More People to Become Entrepreneurs Is Bad Public Policy”, Small Business Economics, pp. 141-149., DOI: 10.1007/s11187-009-9215-
  11. Vincett P. S., (2010) “The Economic Impacts of Academic Spin-off Companies, and Their Implications for Public Policy”, Research Policy, vol. 39, pp. 736-747., DOI: 10.1016/j.respol.2010.02.00

Donato Iacobucci, in "PRISMA Economia - Società - Lavoro" 2/2014, pp. 101-114, DOI:10.3280/PRI2014-002009

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content