Clicca qui per scaricare

L’apertura dei dati pubblici nella PA: il progetto Open Data in Trentino
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Roberto Cibin, Lorenzo Ruzzene, Francesca Gleria 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 73-96 Dimensione file:  125 KB
DOI:  10.3280/SO2014-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il progetto Open Data in Trentino ha come scopo l’apertura al pubblico del patrimonio informativo presente negli archivi delle diverse strutture della Provincia autonoma di Trento, con l’obiettivo prioritario di sviluppare servizi per e con i cittadini come strumenti che abilitano l’innovazione. Ciò attraverso la costruzione di una piattaforma tecnologico-organizzativa che non solo permetta la pubblicazione e la diffusione dei dati, ma che allo stesso tempo raccolga i vari servizi da essi generati. Il progetto è frutto della collaborazione tra una struttura della PA, ovvero l’incarico dirigenziale in materia di innovazione, un consorzio di ricerca e innovazione sulle ICT, l’azienda provinciale che si occupa di informatica e ICT e l’Università. Lo studio in questione si basa principalmente su un’etnografia svolta all’interno del gruppo di progetto dedito all’introduzione di tale innovazione e, nello specifico, all’interno del work package che si occupa dell’impatto che l’apertura del patrimonio informativo pubblico ha sull’intero sistema della PA. Da una simile posizione privilegiata è possibile osservare il contesto delle pratiche quotidiane, la rete di relazioni materiali e il campo di forze che collega le persone all’interno di una pubblica amministrazione che sta affrontando questo processo di innovazione capace di innescare a sua volta un forte cambiamento nel suo contesto organizzativo: vi è un vero e proprio cambio di paradigma nel momento in cui si passa da una concezione del dato come strumento ad uso della PA, a quella del dato come bene comune. L’accesso del cittadino ai dati è sempre avvenuto "su concessione" della pubblica amministrazione. Con l’apertura dei dati si assiste alla creazione di forum ibridi in cui il cittadino entra a far parte della comunità che si occupa di quei dati attraverso un loro utilizzo, controllo, trasformazione. La produzione di servizi, prima in mano alla pubblica amministrazione, viene spostata al di fuori dei suoi confini istituzionali, delegata ai cittadini, alle associazioni e alle imprese che creano innovazione attraverso questi dati. È questa una concretizzazione molto evidente di quel principio di sussidiarietà da anni fortemente presente nel dibattito politologico e giuridico. I lavoratori della PA, attraverso questo processo, non vengono spogliati delle loro funzioni, ma vengono responsabilizzati nei confronti dei dati di cui si fanno portavoce: inserendo nella prospettiva di vita del dato anche l’utilizzo da parte di attori esterni, è necessario che questo venga raccolto, preparato, curato e distribuito nel migliore dei modi. La peculiarità di questo contributo è quella di osservare come queste dinamiche prendano forma nelle pratiche quotidiane della rete di attori coinvolti: si cerca così di offrire uno schema interpretativo fondato su alcune linee guida che aiutino l’osservazione e l’intervento nei riguardi di simili progetti di apertura dei patrimoni informativi della pubblica amministrazione che nel prossimo futuro sicuramente avranno luogo.


Keywords: Open data, Pubblica Amministrazione, Innovazione organizzativa, Cambiamento organizzativo, ICT.

  1. AgID. (2013), Linee Guida Nazionali per la Valorizzazione del Patrimonio Informativo Pubblico, Agenzia per l'Italia Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri.
  2. Akrich, M. (1992), “The De-scription of Technical Objects”, in W.E. Bijker, J. Law (eds.), Shaping Technology/Building Society. Studies in sociotechnical change, Cambridge, The MIT Press.
  3. Archer, P., Dekkers, M., Goedertier, S., Loutas, N. (2013), Study on Business Models for Linked Open Government Data (BM4LOGD), European Commission.
  4. Berners-Lee, T. (2009), “Linked Data - The Story So Far” in International Journal on Semantic Web and Information Systems, 5, 3., DOI: 10.4018/JSWIS.2009081901
  5. Brewer, G. A., Neubauer, B. J., Geiselhart, K. (2008), “Designing and Implementing E-Government Systems: Critical Implications for Public Administration and Democracy”, Administration & Society, 38, 4: 472-499., DOI: 10.1177/0095399706290638
  6. Bruni, A., Gherardi, S. (2007), Studiare le pratiche lavorative. Bologna, Il Mulino. Butera, F. (2007), “Il change management strutturale nella Pubblica Amministrazione: la proposta di un Programma Nazionale sulla innovazione nei servizi e sulla gestione dei processi di cambiamento”, Studi Organizzativi, 1: 61-96.
  7. Callon, M. (1986), “Some Elements of a Sociology of Translation: Domestication of the Scallops and the Fishermen of St Brieuc Bay“, in Law J. (ed.), Power, Action & Belief. A New Sociology of Knowledge?, London, Routledge & Kegan Paul.
  8. Callon, M. (1999), “The Role of Lay People in the Production and Dissemination of Scientific Knowledge“, Science Technology & Society, 4, 1: 81-94., DOI: 10.1177/097172189900400106
  9. Callon, M., Lascoumes, P., Barthe, Y. (2009), Acting in an uncertain world: an essay on technical democracy, Cambridge, The MIT Press.
  10. Callon, M., Law, J. (1989), “On the construction of socio-technical networks: content and context revisited”, Knowledge and Society, 8: 57-83.
  11. Cardano, M. (2003), Tecniche di ricerca qualitativa. Percorsi di ricerca nelle scienze sociali, Roma, Carocci.
  12. Commissione Europea (2011), COM 882 definitivo. Dati aperti. Un motore per l’innovazione, la crescita e una governance trasparente, Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni.
  13. Czarniawska, B. (1997), Narrating Organizations. Dramas of Institutional Identity, Chicago, University of Chicago Press.
  14. Czarniawska, B. (2004), “On Time, Space, and Action Nets”, Organization, 11, 6: 773-791., DOI: 10.1177/1350508404047251
  15. D'Atena, A. (2001), “Costituzione e principio di sussidiarietà”, Quaderni Costituzionali, 1: 13-34., DOI: 10.1439/4806
  16. Di Donato, F. (2010), Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva, Pisa, Edizioni ETS.
  17. Etzkowitz, H., Klofsten, M. (2005), “The innovating region: toward a theory of knowledge􀇦based regional development”, R&D Management, 35, 3: 243-255., DOI: 10.1111/J.1467-9310.2005.00387.X
  18. Etzkowitz, H., Leydesdorff, L. (2000), “The dynamics of innovation: from National Systems and ‘‘Mode 2’’ to a Triple Helix of university–industry–government relations”, Research Policy, 1: 109-123.
  19. Ferro, E., Osella, M. (2011), Modelli di Business nel riuso dell'Informazione Pubblica - Studio Esplorativo. Regione Piemonte, Osservatorio ICT.
  20. Gherardi, S., Lippi, A. (a cura di), (2000), Tradurre le riforme in pratica, Milano, Raffaello Cortina Editore.
  21. Heath, C., Luff, P. (2000), Technology in Action. Cambridge, Cambridge University Press.
  22. Kalampokis, E., Hausenblas, M., Tarabanis, K. (2011), “Combining Social and Government Open Data for Participatory Decision-Making”, in Electronic
  23. Participation: Third IFIP WG 8.5 International Conference. ePart 2011, Delft,
  24. Springer.
  25. Kalampokis, E., Tambouris, E., Tarabanis, K. (2011), “A Classification Scheme for Open Government Data: Towards Linking Decentralized Data”, International Journal of Web Engineering and Technology, 6, 3: 266-285., DOI: 10.1504/IJWET.2011.040725
  26. Latour, B. (1987), Science in Action. How to Follow Scientists and Engineers through Society, Cambridge, Harvard University Press.
  27. Latour, B. (1993), We Have Never Been Modern, Cambridge, Harvard University Press.
  28. Law, J. (1987), “Technologies and Heterogeneous Engineering: The Case of the Portuguese Expansion”, in W.E. Bijker, T.P. Hughes, T. Pinch (eds.), The Social Construction of Technological Systems. Cambridge, The MIT Press.
  29. Lloyd, A. (2009), “Informing Practice: Information Experiences of Ambulance Officers in Training and On-Road Practice”, Journal of Documentation, 65, 3: 396-419., DOI: 10.1108/00220410910952401
  30. Miele,F.(2011),“L’istituzionalizzazionedinuoveformeorganizzative–dalleorganizzazionialleretid’azione”,StudiOrganizzativi,1:103-116., DOI: 10.3280/SO2011-002005
  31. Mongili, A. (2008), “Oggetti e allineamenti: qual è l’oggetto della sociologia della tecnoscienza?”, Rassegna Italiana di Sociologia, 3: 403-426., DOI: 10.1423/27669
  32. O’Reilly, T. (2010), “Government as a Platform”, in D. Lathrop, L. Ruma (eds.), Open Government, Sebastopol, O’Reilly Media.
  33. Olstrom, E. (1996), “Crossing the Great Divide: Coproduction, Synergy and Development”, World Development, 24, 6: 1073-1087., DOI: 10.1016/0305-750X(96)00023-X
  34. Orr, J. (1990), “Sharing Knowledge, Celebrating Identity: War Stories and Community Memory in a Service Culture”, in D.S. Middleton, D. Edwards (eds.), Collective Remembering: Memory in Society, Beverley Hills, Sage.
  35. Pellegrino, G. (2010), “Costruire la tecnologia. Il costruzionismo negli Science and Technology Studies”, in Santambrogio A. (a cura di), Costruzionismo e scienze sociali, Perugia, Morlacchi Editore.
  36. Pizzicannella, R. (2010), “Co-production and open data: the right mix for public service effectiveness?” Draft papers, 10th European Conference on eGovernment, Limerik.
  37. Posander, L. (2005), “ “My Name is Lifebuoy”. An Actor-network Emerging from an Action-net”, in Czarniawska B., Hernes T. (eds.), Actor-Network Theory and Organizing, Liber & Copenhagen Business School Press.
  38. Robinson, D., Yu, H., Zeller, W., Feltern, E. (2009), “Government Data and the Invisible Hand”, Yale Journal of Law and Technology, 11, 1: 160-175., DOI: 10.1504/IJWET.2011.040725
  39. Shvaiko, P., Ivanyukovich, A., Vaccari, L., Maltese, V., Farazi, F. (2010), “A semantic geo-catalogue implementation for a regional SDI”, Proceedings of INSPIRE, 2010.
  40. Shvaiko, P., Vaccari, L., Trecarichi, G. (2009), “Semantic geo-catalog: a scenario and requirements”, Proceedings of the Ontology Matching Workshop at ISWC'09.



  1. Luca Garavaglia, La governance dei sistemi locali nella società dell'informazione: un contributo dagli studi sulle reti organizzative in CRIOS 12/2016 pp. 67, DOI: 10.3280/CRIOS2016-012007

Roberto Cibin, Lorenzo Ruzzene, Francesca Gleria, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2014, pp. 73-96, DOI:10.3280/SO2014-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche