Clicca qui per scaricare

Soglie, scene, spazi e artefatti come strumenti di conoscenza dell’organizzazione
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Barbara Mellini, Sabina Giorgi, Alessandra Talamo 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  29 P. 97-125 Dimensione file:  175 KB
DOI:  10.3280/SO2014-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente articolo si pone l’obiettivo di fornire una chiave interpretativa che permetta di comprendere la «traiettoria di accesso al campo» (Bruni, 2006) a una Unità Operativa Complessa (U.O.C) di un ospedale romano. Viene utilizzata la metafora drammaturgica goffmaniana per mostrare come, attraverso i posizionamenti e i significati attribuiti - sul piano dell’azione - dai partecipanti alla ricercatrice durante i diversi atti di accesso al campo, l’organizzazione metta in luce alcuni funzionamenti interni e suggerisca percorsi interpretativi. Ogni atto dell’accesso al campo presentato nell’articolo è giocato su una scena diversa (Goffman, 1959): dall’accesso istituzionale alla negoziazione della presenza con il personale ospedaliero nei reparti; dai tentativi di incorporazione della nuova figura alla costruzione della sua identità attraverso la partecipazione alle pratiche quotidiane, fino all’accettazione della ricercatrice all’interno degli spazi extra-lavorativi. Lungo questo percorso verso il centro delle attività e dei significati della «comunità di pratica» (Wenger, 1988), si vuole evidenziare come la ricercatrice venga variamente identificata nel ruolo che i partecipanti le attribuiscono sulla base delle loro categorie di significazione. L’attenzione verrà posta, di volta in volta, sugli spazi fisici di attraversamento, e sugli artefatti usati dai membri dell’organizzazione, tra cui quelli «di soglia» (Zucchermaglio et al., 2013). Essi costituiscono la componente materica delle scene, oltre che una parte costitutiva delle rappresentazioni costruite dall’organizzazione e dalla ricercatrice nello spazio della loro interazione «faccia a faccia». La riflessione sulle modalità di accesso nel contesto di indagine diventa, in quest’ottica, una prima fondamentale chiave di comprensione e una forma di conoscenza del contesto organizzativo in cui viene condotta l’indagine. Come suggerisce Bruni (2006), l’accesso al campo offre un osservatorio privilegiato in cui identificare - già dalle prime battute - questioni, caratterizzazioni e salienze del contesto. Non solo conta come il ricercatore presenta se stesso e la sua ricerca (Kawulich, 2010), ma altrettanto centrale è ciò che l’istituzione, già nelle prime fasi di contatto, decide di comunicare di sé all’esterno. Come a dire che i contesti e i loro attori danno chiavi di lettura e di interpretazione, orientando il ricercatore verso alcuni specifici ambiti di approfondimento (Padiglione et al., 2007). Nel caso specifico della ricerca qui raccontata, ad essere analizzate e descritte sono proprio quelle espressioni del funzionamento organizzativo che la ricercatrice incontrerà nelle fasi iniziali della ricerca e nel suo personale percorso di costruzione di un posizionamento all’interno del contesto.


Keywords: Unità Operativa Complessa ospedaliera, accesso al campo, ricerca etnografica, artefatti di soglia, spazi fisici.

  1. Allen, D.A. (2001), The Changing Shape of Nursing Practice: The Role of Nurses in the Hospital Division of Labour, London, Routledge.
  2. Allen, D.A. (2007), “What Do You Do at Work? Profession Building and Doing Nursing”, International Nursing Review, 54, 1: 41-48,, DOI: 10.1111/J.1466-7657.2007.00496.X
  3. Allen, D.A., Pilnick, A. (2005), “Making Connections: Healthcare as a Case Study in the Social Organization of Work”, Sociology of Health & Illness, 27, 6: 683-700,, DOI: 10.1111/J.1467-9566.2005.00469.X
  4. Allen, D.A., Lyne, P.A. (1997), “Nurses’ Flexible Working Practices: Some Ethnographic Insights into Clinical Effectiveness”, Clinical Effectiveness in Nursing, 1: 131-140,, DOI: 10.1111/J.1467-9302.2008.00614.X.Annandale,E.(1996),“WorkingontheFront-Line:RiskCultureandNursingintheNewNHS”,SociologyReview,44,3:416-51,doi:10.1111/J.1467-954X.1996.TB00431.X
  5. Bruni, A. (2003), Lo studio etnografico delle organizzazioni, Roma, Carocci.
  6. Bruni, A. (2006), “Access as Trajectory: Entering the Field in Organization Ethnography”, M@n@gement, 3, 9: 137-152,, DOI: 10.3917/mana.093.0137
  7. Buchanan, D., Boddy, D., McCalman, J. (1988), “Getting in, Getting on, Getting out, and Getting back”, in Bryman, A. (ed.), Doing Research in Organizations, London, Routledge, pp. 53-67.
  8. Currie, G., Finn, R., Martin, G. (2010), “Role Transition and the Interaction of Relational and Social Identity: New Nursing Roles in the English NHS”, Organization Studies, 31: 941-961,, DOI: 10.1177/0170840610373199
  9. de Certeau, M. (1980), L'Invention du quotidien. I. Arts de faire, Parigi, UGE (trad. it. L'invenzione del quotidiano, Roma, Edizioni Lavoro, 2001).
  10. Dingwall, R., Allen, D.A. (2001), “The Implications of Healthcare Reforms for the Profession of Nursing”, Nursing Inquiry, 8, 2: 64-74,, DOI: 10.1046/J.1440-1800.2001.00100.X
  11. Duranti, A. (1997), Linguistic Anthropology, Cambridge, Cambridge University Press (trad. it. Antropologia del linguaggio, Roma, Meltemi, 2000).
  12. Feldman, C. (2002), “The Construction of Mind and Self in an Interpretative Community”, in J. Brokmeier, M. Wang, D.R. Olson (eds.), Literacy, Narrative and Culture, London, Curzon, pp. 52-66.
  13. Feldman, M.S. (2003), Gaining Access. A Pratical and Theoretical Guide for Qualitative Research, Walnut Creek, Lanham, New York, Oxford, Altamira Press.
  14. Gagliardi, P. (1990), “Artifact as Pathways and Remains of Organizational Life”, in P. Gagliardi, (ed.) Symbols and Artifacts: Views of the Corporate Landscape. Aldine de Gruyter, pp. 3-38.
  15. Garfinkel, H. (1967), Studies in Ethnomethodology, Englewood Cliffs, Prentice-Hall.
  16. Goffman, E. (1959), The Presentation of Self in Everyday Life, New York, Doubleday (trad. it. La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, Il Mulino, 1983).
  17. Goffman, E. (1961), Asylums. Essay on the Social Situation of Mental Patients and Other Inmates, New York, Doubleday (trad. it. Asylums. Le istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza, Torino, Einaudi, 2003).
  18. Gummesson, E. (2000), Qualitative Methods in Management Research, London, Sage.
  19. Hutchins, E. (1995), Cognition in the Wild, Cambridge, MIT Press. Hutchins, E., Klausen T. (1996), “Distributed Cognition in an Airline Cockpit”, in Y.
  20. Engstrom, D. Middleton, (eds.), Cognition and Communication at Work, Cambridge, Cambridge University Press, pp. 15-34,
  21. Johl, S.K., Renganathan, S. (2010), “Strategies for Gaining Access in Doing Fieldwork: Reflection of Two Research”, The Electronic Journal of Business Research Methods, 8, 1: 42-50,, DOI: 10.1177/0952872002012002114
  22. Kawulich, B. (2011), “Gatekeeping: An Ongoing Adventure in Research”, Field Methods, 23, 1: 57-76.
  23. Labaree, R.V. (2002), “The Risk of ‘Going Observationalist’: Negotiating the Hidden Dilemmas of Being an Insider Participant Observer”, Qualitative Research, 2, 1: 97-122,, DOI: 10.1177/1468794102002001641
  24. Laurila, J. (1997), “Promoting Research Access and Informant Rapport in Corporative Settings: Notes from Research on a Crisis Company”, Scandinavian Journal of Management, 13, 4: 407-418,, DOI: 10.1016/S0956-5221(97)00026-2
  25. Lévi-Strauss, C. (1962), La pensée sauvage, Paris, Pion (trad. it. Il pensiero selvaggio, Milano, Il Saggiatore, 1979).
  26. Murray, S.B. (2003), “A Spy, a Shill, a Go-Between, or a Sociologist: Unveiling the ‘Observer’ in Participant Observer”, Qualitative Research, 3, 3: 377-395,, DOI: 10.1177/1468794103033006
  27. Okumus, F., Altinay, L., Roper, A. (2007), “Gaining Access For Research. Reflection from Experience”, Annals of Tourism Research, 34, 1: 7-26,, DOI: 10.1016/J.ANNALS.2006.07.00
  28. Ortiz, S.M. (2004), “Leaving the Private World of Wives or Professional Athletes: A Male Sociologist’s Reflections”, Journal of Contemporary Ethnography, 33, 4: 446-87,, DOI: 10.1177/0891241604265980
  29. Padiglione, V., Fatigante, M., Giorgi, S. (2007), “Sulla soglia: istanze riflessive. Costruire la relazione in una etnografia sulle famiglie”, in Rivista di Psicolinguistica Applicata, VII, 3: 53-79.
  30. Piasere, L. (2002), L'etnografo imperfetto. Esperienza e cognizione in antropologia, Roma-Bari, Laterza,, DOI: 10.1400/12434
  31. Reeves, C.L. (2010), “A Difficult Negotiation: Fieldwork Relations with Gatekeepers”, Qualitative Research, 10, 3: 315-331,, DOI: 10.1177/1468794109360150
  32. Sacks, H. (1992), Lectures on Conversation (Vol. I and II), Oxford, Blackwell.
  33. Shenton, A.K., Hayter, S. (2004), “Strategies for gaining access to organization and informants in qualitative studies”, Education for Information, 22: 223-231.
  34. Van Maanen, J. (1981), “The Informant Game Selected Aspects of Ethnographic Research in Police Organizations”, Journal of Contemporary Ethnography, 9, 4: 469-494. Van Maanen, J., Kolb, D. (1982), The professional apprentice: observations on fieldwork roles in two organizational settings, working papers from Massachusetts Institute of Technology (MIT), Sloan School of Management.
  35. Wanat, C.L. (2008), “Getting Past the Gatekeepers: Differences Between Access and Cooperation in Public School Research”, Field Methods, 20, 2: 191-208,, DOI: 10.1177/1525822X07313811
  36. Wenger, E. (1988), Communities of Practice. Learning, meaning and Identity, Cambridge, Cambridge University Press (trad. it. Comunità di pratica. Apprendimento, significato e identità, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2006).
  37. Zucchermaglio, C., Alby, F., Fatigante, M., Saglietti, M. (2013) Fare ricerca situata in psicologia sociale, Bologna, Il Mulino.

Barbara Mellini, Sabina Giorgi, Alessandra Talamo, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2014, pp. 97-125, DOI:10.3280/SO2014-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche