Clicca qui per scaricare

La progettazione partecipata come pratica e politica per costruire ambienti tecnologicamente densi
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Maurizio Teli, Vincenzo D'Andrea, Antonella De Angeli 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 150-162 Dimensione file:  61 KB
DOI:  10.3280/SO2014-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo riassume le basi intellettuali del lavoro svolto collettivamente dagli autori presso il Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Università di Trento per rispondere a una delle domande poste dai curatori di questo numero monografico di "Studi Organizzativi": Come adottare forme di analisi e progettazione congiunta di tecnologie, organizzazione, lavoro?. Nell’affrontare questo problema, l’articolo descrive inizialmente come nelle discipline informatiche sia presente per lo meno dalla metà del ventesimo secolo un’attenzione agli aspetti politici dell’automazione, vista come una possibilità di espandere le competenze umane. Per meglio chiarire questa posizione, l’articolo introduce la distinzione tra automazione e informazione come strategie di implementazione di tecnologie digitali nelle organizzazioni, così come descritta da Zuboff (1988). Se l’automazione si contraddistingue per la raccolta di informazioni sul processo produttivo a vantaggio delle figure manageriali, l’informazione si caratterizza per la condivisione di tali informazioni lungo tutto il processo produttivo, favorendo una democratizzazione dello stesso processo produttivo. Calandosi nella contemporaneità del lavoro cognitivo, l’articolo problematizza tale distinzione, mostrando come automazione e informazione possano essere rilette constatando che in buona parte del lavoro cognitivo le tecnologie adottate servano proprio a informare chi lavora e che tale informazione si situa in corsi d’azione in cui si passa dall’usabilità all’uso, dalle caratteristiche tecniche dell’oggetto alle pratiche sociali in cui l’oggetto si trova. Le domande di ricerca interessanti riguardano quindi il valore d’uso situato delle tecnologie stesse: a chi le tecnologie portano valore? Come possono supportare dinamiche di democratizzazione del lavoro e privilegiare lo sviluppo delle competenze di chi le usa? Gli autori, consapevoli di questa problematicità tutta politica della progettazione delle tecnologie dell’informazione, introducono una metodologia di progettazione di origine scandinava, la progettazione partecipata, come pratica e politica della progettazione che faccia proprie le domande emergenti dalle riflessioni precedenti. Per mostrare come tale pratica possa effettivamente superare alcuni dei limiti dei progetti tecnologici, l’articolo presenta una esperienza condotta in ambito universitario: il progetto Smart Campus. In questo progetto, la partecipazione diretta degli studenti nell’identificazione degli scopi dei percorsi compiuti si è rivelata capace di ribilanciare alcune relazioni di potere nel contesto universitario. In conclusione, gli autori sottolineano come il programma di ricerca qui presentato agisca in contesti concreti per capire se la progettazione partecipata sia in grado, in Italia, di portare a risultati simili a quelli qui presentati anche al di fuori del contesto strettamente universitario.


Keywords: Automazione, informazione, progettazione partecipata, università, politica

  1. Bannon, L. (1991), “From Human Factors to Human Actors: The Role of Psychology and Human-Computer Interaction Studies in System Design”, Design at work: Cooperative design of computer systems, 25-44.
  2. Berardi, F. (2001), La fabbrica dell’infelicità: new economy e movimento del cognitariato, Roma, DeriveApprodi.
  3. Bergvall-Kåreborn, B., Ståhlbrost, A. (2008), “Participatory Design: One Step Back or Two Steps Forward?”, in Proceedings of the Tenth Anniversary Conference on Participatory Design.
  4. Briefs, U., Ciborra, C.U., Schneider, L. (eds.) (1983), “Systems Design For, With, and By the Users”, Proceedings of the Ifip Wg 9.1 Working Conference on Systems Design For, With, and by the Users.
  5. Bruni, A. (2005), “Shadowing Software and Clinical Records: On the Ethnography of Non-Humans and Heterogeneous Contexts”, Organization, 12(3): 357-378,, DOI: 10.1177/1350508405051272
  6. Bruni, A., Pinch, T., Schubert, C. (2014), “Technologically Dense Environments: What For? What Next?”, Tecnoscienza. Italian Journal of Science & Technology Studies, 4: 51-72.
  7. Butera, F. (2008), “Chi sono e perché sono tanti i lavoratori della conoscenza: dieci anni di ricerche”, in Butera, F., Bagnara, S., Cesaria, R., Di Guardo, S.
  8. (a cura di) Knowledge Working. Lavoro, lavoratori, società della conoscenza, Milano, Mondadori Università.
  9. D’Andrea, V., Teli, M. (2010), “Teaching Participatory Design: A Participatory Approach”, Proceedings of the 11th Biennial Participatory Design Conference.
  10. Dantec, C.A.L., DiSalvo, C. (2013), “Infrastructuring and the Formation of Publics in Participatory Design”, Social Studies of Science, 43: 241-264., DOI: 10.1177/030631271247158
  11. De Angeli, A., Lynch, P., Johnson, G.I. (2002), “Pleasure versus Efficiency in User Interfaces: Towards an Involvement Framework”, in Green W., Jordan P. (eds.), Pleasure with products: Beyond usability, CRC Press.
  12. Ehn, P. (1993), “Scandinavian Design: On Participation and Skill”, in Schuler D., Namioka A. (eds.), Participatory Design: Principles and Practices, CRC Press.
  13. Ehn, P. (2008), “Participation in Design Things”, Proceedings of the Tenth Anniversary Conference on Participatory Design.
  14. Ertner, M., Kragelund, A.M., Malmborg, L. (2010), “Five Enunciations of Empowerment in Participatory Design”, Proceedings of the 11th Biennial Participatory Design Conference Gibson, J.J. (1979), The Ecological Approach to Visual Perception, New York, Houghton Mifflin.
  15. Latour, B. (2004), “Why Has Critique Run out of Steam? From Matters of Fact to Matters of Concern”, Critical Inquiry, 30: 225-248., DOI: 10.1086/CI.2004.30.ISSUE-2
  16. Marglin, S.A. (1996), “What Do Bosses Do?”, Review of Radical Political Economics, 6: 60-112.
  17. Medina, E. (2011), Cybernetic Revolutionaries, Cambridge, MA: MIT Press.
  18. Menendez, M., Bordin, S., De Angeli, A. (2014), “Mediating divergent perspectives: new responsibilities for interaction desig”, manoscritto non pubblicato.
  19. Negri, A., Vercellone, C. (2007), “Il rapporto capitale/lavoro nel capitalismo cognitivo”, Posse.
  20. Pipek, V., Wulf, V. (2009), “Infrastructuring: Toward an Integrated Perspective on the Design and Use of Information Technology”, Journal of the Association for Information Systems, 10: 447-473.
  21. Wiener, N. (1950), The Human Use of Human Beings: Cybernetics and Society, Da Capo Press.
  22. Zuboff, S. (1988), In the Age of the Smart Machine: The Future of Work and Power, Basic Books.

Maurizio Teli, Vincenzo D'Andrea, Antonella De Angeli, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2014, pp. 150-162, DOI:10.3280/SO2014-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche