Clicca qui per scaricare

Cognizione-in-interazione, azione pratica e artefatti: il contributo della ricerca psicologica allo studio della relazione fra tecnologie e comunità lavorative
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Francesca Alby 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 163-177 Dimensione file:  68 KB
DOI:  10.3280/SO2014-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo illustra gli autori e le teorie che, nell’ambito della ricerca psicologica, hanno contribuito a dare forma a una concezione della mente "tecnologica", sempre mediata da artefatti, e della cognizione umana come storicoculturale, da interpretare in un contesto sempre storicamente connotato e marcato dalla cultura e dai suoi strumenti materiali e simbolici. All’interno di questa visione del funzionamento psichico, vengono descritti nell’articolo gli strumenti concettuali, quali i costrutti di "artefatto", "pratica", ‘cognizione-in-interazione’ con i quali la ricerca psicologica contribuisce all’impresa interdisciplinare di analisi della relazione fra tecnologie, fenomeni psicologico-sociali e comunità lavorative. Descriviamo di seguito brevemente tali costrutti. - Il costrutto di ‘artefatto’, nell’ambito della tradizione di ricerca della psicologia culturale, collega il livello del funzionamento cognitivo e quello storico, sociale e culturale:"i processi mentali umani acquisiscono una struttura necessariamente legata a strumenti e metodi storicamente formati e trasmessi loro da altri nei processi di interazione sociale e lavoro cooperativo" (Leont’ev, 1981:56). Tali artefatti vanno considerati "in modo situato", cioè non in modo isolato ma dentro i contesti in cui vengono usati e in connessione alle pratiche condivise dagli attori sociali. Un’attenzione particolare tra gli artefatti va dedicata al linguaggio, la cui potenza simbolica e di costruzione del mondo è stata sottolineata, anche in ambito psicologico, da diversi autori. I loro studi ci dicono che realtà sociale e linguaggio non sono dunque separati e che il linguaggio è uno degli strumenti più potenti attraverso cui le persone "fanno" cose nel mondo. - Il costrutto di ‘pratica’ è stato storicamente raramente considerato dalla psicologia che ha spiegato il comportamento umano o con fattori interni all’individuo (ad esempio tratti di personalità) o come prodotto di circostanze esterne (ad esempio un comportamento aggressivo in reazione ad altri comportamenti aggressivi). Studiare le pratiche in cui gli attori sociali sono quotidianamente coinvolti vuol dire invece considerare i processi psicologici come situati non ‘nella persona’ o ‘nella situazione’ ma nella loro relazione. - Nel costrutto di ‘cognizione-in-interazione’ un processo cognitivo è dato dalla relazione funzionale fra gli elementi che vi partecipano (le persone, gli artefatti culturali, gli oggetti, gli strumenti, la natura), non dal "luogo" dove questi elementi sono collocati (come nell’equivalenza cognitivo=mentale). L’enfasi storica sul trovare e descrivere "strutture di conoscenza" che sono da qualche parte "dentro" l’individuo ha spinto la ricerca cognitiva a trascurare il fatto che la cognizione umana è sempre situata in un complesso mondo socioculturale e non può non essere profondamente influenzata da esso.


Keywords: Parole chiave: tecnologie, artefatto, psicologia culturale, pratiche lavorative, cognizione-in-interazione.

  1. Alby, F. (2007), Le tecnologie nella vita quotidiana, Roma, Carocci.
  2. Bobrow, D., Whalen, J. (2001), Community Knowledge Sharing in Practice: The Eureka Story, Xerox Parc paper.
  3. Bruni, A. (2005), Lo Studio Etnografico delle Organizzazioni, Roma, Carocci.
  4. Bruni, A., Gherardi, S. (2007), Studiare le Pratiche Lavorative, Bologna, Il Mulino.
  5. Bruni, A. (2012), “STS Italia”, Tecnoscienza, 3(2): 3-21.
  6. Cole, M. (1996), Psicologia culturale, Roma, Carlo Amore.
  7. Cole, M., Hood, L., McDermott, R.P. (1978), “Ecological niche picking: Ecological invalidity as an axiom of experimental cognitive psychology”, manoscritto non pubblicato, University of California and the Rockefeller
  8. University. Crabtree, A., Rodden, T., Benford, S. (2005), “Moving with the Times: IT Research and the Boundaries of CSCW”, Computer Supported Cooperative Work,14(3):217–251,, DOI: 10.1007/S10606-005-3642-X
  9. Fleck, L. (1935), Genesi e sviluppo di un fatto scientifico, Bologna, Il Mulino.
  10. Gardner, H. (1985), The Mind’s New Science, New York: Basic Books.
  11. Goodwin, C. (1994), “Professional Vision”, American Anthropologist, 96 (3): 606-633,, DOI: 10.1525/aa.1994.96.3.02a00100
  12. Heath, C., Luff, P. (2000), Technology in action, Cambridge, Cambridge University Press.
  13. Hutchins, E. (2001), “Distributed Cognition”, Encyclopedia of the Social & Behavioral Sciences, Amsterdam, Elsevier Science.
  14. Hutchins, E., Palen, L. (1997), “Constructing Meaning From Space, Gesture, and Talk”, in Resnick, C. Pontecorvo, R. Säljö, (Eds.) (1997), Discourse, tools and reasoning: Essays on Situated Cognition, New York, Springer Verlag.
  15. Hutchins, E. (1995), Cognition in the Wild, Cambridge, MA, MIT Press.
  16. Latour, B. (1986), “Visualization and Cognition. Thinking with Eyes and Hands”, Knowledge and Society, 6: 1-40.
  17. Latour, B. (2005), Reassembling the Social. An Introduction to Actor-Network-Theory, Oxford, Oxford University Press.
  18. Latour, B., Woolgar, S. (1986), Laboratory life: the construction of scientific facts, Princeton, Princeton University.
  19. Lave, J. (1988), Cognition in practice: Mind, mathematics and culture in everyday life, New York, Cambridge University Press.
  20. Leont'ev, A.N. (1981), “The problem of activity in psychology”, in Wertsch J.V.
  21. (Eds.) (1985), The concept of activity in Soviet Psychology, Armonk, N.Y., M.E Sharp: 37-71.
  22. Luff, P., Hindmarsh, J., Heath, C. (Eds.) (2000), Workplace Studies: Recovering Work Practice and Informing System Design, Cambridge, Cambridge University Press.
  23. Lynch, M., Woolgar, M. (a cura di) (1988), Representation in Scientific Practice, Kluwer Academic Publishers.
  24. Lynch, M. (a cura di) (2012), Science and Technology Studies, Critical Concepts in the Social Sciences, London and New York, Routledge.
  25. Mantovani, G. (1998), L’Elefante Invisibile - Alla Scoperta Della Dimensione Culturale, Firenze, Giunti.
  26. Mantovani, G. (2004), Intercultura, Bologna, Il Mulino.
  27. Mantovani, G. (Eds.) (2000), Ergonomia. Lavoro, Sicurezza e Nuove Tecnologie,
  28. Bologna, Il Mulino. Mead, G.H (1934), Mind, self and society, Chicago, Chicago University Press (trad. it. Mente, Se' e Società, Firenze, Giunti Barbera, 1972).
  29. Mecacci, L. (1999), Psicologia moderna e postmoderna, Bari, Laterza.
  30. Mecacci, L. (2000), “La mente umana e il suo mondo artificiale”, in Mantovani,
  31. G. (a cura di) (2003), Ergonomia, Bologna, Il Mulino.
  32. Neisser, U. (1978), “Memory: What are the Important Questions”, in Gruneberg, M., Morris, P., Sykes, R. (Eds.) (1978), Practical Aspects of Memory, London, Academic Press.
  33. Nicolini, D. (2013), Practice theory, work and organization, Oxford, UK, Oxford University Press.
  34. Orr, J. (1990), “Sharing knowledge, celebrating identity: war stories and community memory among service technicians”, in Middleton, D.S., Edwards, D. (Eds) (2001), Collective remembering: memory in society,
  35. London, Sage Pubblications: 169-189, (trad. it. “Condividere le conoscenze, celebrare l'identità. La memoria di comunità in un cultura di servizio”, in Zucchermaglio, C. (a cura di) (2013), Cognizione al lavoro, Milano, LED).
  36. Orr, J. (1996), Talking about machines: an ethnography of a modern job, Ithaca, N.Y., ILR Press.
  37. Parolin, L. (2008), “I Workplace Studies: tecnologia ed interazione sociale nei contesti di lavoro”, Studi Organizzativi, 1: 145-165.
  38. Resnick, L. B. (1987), “Learning in School and Out”, in Educational Researcher, 6 (9): 13-20 (trad. it. “Imparare dentro e fuori la scuola”, in Pontecorvo, C., Ajello, A.M, Zucchermaglio, C. (a cura di) (1995), I
  39. contesti sociali dell'apprendimento, Milano, LED).
  40. Riva, G. (2008), Psicologia dei Nuovi Media, Bologna, Il Mulino.
  41. Rogoff, B., Lave, J.(1984), Everyday Cognition, Cambridge Mass, Harvard University Press.
  42. Sapir, E. (1949), Culture, language and personality, Berkeley, University of California press (trad. it. Cultura, linguaggio e personalità, Torino, Einaudi, 1972).
  43. Schatzki, T.R., Cetina, K.K. von Savigny, E. (a cura di) (2001), The practice turn in contemporary theory, London, Routledge.
  44. Scribner, S., Cole, M. (1981), The Psychology of Literacy, Cambridge, Mass, Harvard University Press.
  45. Scribner, S. (1984), “Studying Working Intelligence”, in Rogoff, B., Lave, J., Everyday Cognition, Cambridge Mass, Harvard University Press (trad. it. “Lo studio dell'intelligenza al lavoro”, in Zucchermaglio, C. (a cura di) (2013), Cognizione al lavoro, Milano, LED). Streeck, J., Goodwin, C., LeBaron, C. (Eds.) (2011), Embodied Interaction. Language and Body in the Material World, New York, Cambridge University Press.
  46. Suchman, L. (2002), Replicants and Irreductions: Affective encounters at the interface, paper presented to EASST, York, UK, 2 August.
  47. Suchman, L. (2000), “Embodied practices of engineering work”, in Mind,culture and activity, 7 (1&2): 4-18.
  48. Suchman, L. (1987), Plans and situated actions: the problem of humanemachine communication, Cambridge, Cambridge University Press.
  49. Suchman, L., Trigg, R. (1993), “Artificial Intelligence as Craftwork”, in Chaiklin, S., Lave, J. (Eds.), Understanding Practice, New York: Cambridge University Press: 144-178.
  50. Vygotskij, L.S., (1934), Pensiero e linguaggio, Roma- Bari, Laterza.
  51. Vygotskij, L.S. (1974), Storia dello sviluppo delle funzioni psichiche superiori, Firenze, Giunti.
  52. Zucchermaglio, C. (1995), “Studiare le organizzazioni. Apprendimento, pratiche di lavoro e tecnologie nei contesti organizzativi”, in Zucchermaglio C. (a cura di) (2013), Cognizione al lavoro, Milano: LED.
  53. Zucchermaglio, C. (2002), Psicologia culturale dei gruppi, Roma, Carocci.
  54. Zucchermaglio, C. (a cura di) (2013), Cognizione al lavoro. Interazione, pratiche, comunità, Milano, LED.
  55. Zucchermaglio, C., Alby, F. (2005), Gruppi e tecnologie al lavoro, Roma-Bari, Laterza.
  56. Zucchermaglio, C., Alby, F., Fatigante, M., Saglietti, M. (2013), Fare ricerca situata in psicologia sociale, Bologna, Il Mulino.



  1. Laura Lucia Parolin, Carmen Pellegrinelli, Where does it come from? Collaborative emergence in creative work practices in New Ideas in Psychology 100800/2020 pp. 100800, DOI: 10.1016/j.newideapsych.2020.100800

Francesca Alby, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2014, pp. 163-177, DOI:10.3280/SO2014-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche