La Olivetti, la sponsorizzazione culturale, gli stati uniti

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Matteo Pretelli
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 26 P. 33-58 Dimensione file: 125 KB
DOI: 10.3280/MON2014-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli anni Ottanta del Novecento in Italia si iniziò a parlare delle "sponsorizzazioni culturali", cioè delle poco diffuse iniziative di aziende/multinazionali italiane, sia private che pubbliche, a sostegno del patrimonio artistico nazionale, o di manifestazioni culturali. Tuttavia, già dalla metà degli anni Sessanta, l’azienda di Ivrea Olivetti aveva iniziato un’intensa attività di organizzazione di grandi mostre d’arte, soprattutto all’estero. Molte di queste esposizioni vennero realizzate negli Stati Uniti, paese con cui l’azienda aveva importanti legami commerciali e culturali. Tenendo presente il contesto italiano e internazionale, il saggio analizza la filosofia e le pratiche della Olivetti per l’organizzazione di eventi culturali dalla metà degli anni Sessanta sino agli inizi dei Novanta. In particolare, si analizzerà il fenomeno come componente della comunicazione d’impresa e specificamente rispetto alle "relazioni pubbliche", cioè l’insieme delle pratiche attraverso cui un’impresa (o una multinazionale) cerca di affermare una buona immagine di sé all’esterno.

Matteo Pretelli, La Olivetti, la sponsorizzazione culturale, gli stati uniti in "MONDO CONTEMPORANEO" 2/2014, pp 33-58, DOI: 10.3280/MON2014-002002