Ricondurre a uno/ridurre a uno: codici affettivi, vulnerabilità e dominio nelle forme di esercizio della leadership

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’
Autori/Curatori: Ugo Morelli
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. 47-58 Dimensione file: 50 KB
DOI: 10.3280/PSC2014-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’autorità necessaria ha di per sé una natura ambigua che gioca col bisogno di autonomia e dipendenza di ognuno. Dai processi psicodinamici che emergono tra autonomia e dipendenza prendono forma gli stili e le espressioni della leadership. L’attrazione di un polo, la possibilità di essere adeguatamente contenuti, è sempre in tensione con l’altro polo, quello della consegna incondizionata a un conduttore che, dismesso il legame di delega e legittimazione, può procedere poi verso la totalità e il dominio incontrollabili. A partire da una cornice relativa a una questione di fondo non sufficientemente esplorata, quella dei codici affettivi e della loro incidenza nelle relazioni asimmetriche e nelle forme di gestione del potere, questo saggio si occupa dei processi di riduzione monopolistica e personalistica, e delle possibilità di generare forme pluralistiche nell’esercizio della leadership.

  1. Ammaniti M. e Gallese V. (2014). La nascita dell’intersoggettività. Lo sviluppo del sé tra psicodinamica e neurobiologia. Milano: Cortina.
  2. Bateson G. (1972). Steps to an ecology of mind: Collected essays in anthropology, psychiatry, evolution, and epistemology. Chicago: University of Chicago Press (trad. it.: Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi, 1995).
  3. Bateson G. (1991). A sacred unity: Further steps to an ecology of mind (trad. it.: Una sacra unità. Milano: Adelphi, 1997).
  4. Danto A. (2013). What art is. New Haven: Yale University Press.
  5. Fachinelli E. (1989).La mente estatica. Milano: Adelphi.
  6. Foucault M. (2012). Du gouvernment des vivants. Cours au Collège de France (1979-80). Paris: Seuil/Gallimard (trad. it.: Il governo dei viventi. Corso al Collège de France. Milano: Feltrinelli, 2014).
  7. Haslam S.A., Reicher S.D. and Platow M. (2011). The new psychology of leadership: Identity, influence and power. New York: Psychology Press (trad. it.: Psicologia del leader. Identità, influenza e potere. Bologna: Il Mulino, 2013).
  8. Honneth A. (2007). Reification: A recognition-theoretical view. Oxford: Oxford University Press (trad. it.: Reificazione. Roma: Meltemi, 2007).
  9. Lipman-Blumen J. (2005). The allure of toxic leader: Why we follow destructive bosses and corrupt politicians – and how to survive them. Oxford: Oxford University Press.
  10. March J.G. and Weil T. (2005). On leadership. Malden: Blackwell (trad. it.: L’arte della leadership. Bologna: il Mulino, 2007).
  11. Napolitani D. (1989). Individualità e gruppalità. Torino: Bollati Boringhieri.
  12. Stern D. (2004). The present moment in psychotherapy and everyday life. New York: W.W. Norton (trad. it.: Il momento presente. In psicoterapia e nella vita quotidiana. Milano: Cortina, 2005).

Ugo Morelli, Ricondurre a uno/ridurre a uno: codici affettivi, vulnerabilità e dominio nelle forme di esercizio della leadership in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 2/2014, pp 47-58, DOI: 10.3280/PSC2014-002004