I partiti politici italiani di fronte alla società dei consumi

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Paolo Capuzzo
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 25 P. 129-153 Dimensione file: 109 KB
DOI: 10.3280/MON2014-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio discute la posizione delle principali culture politiche italiane nei confronti dei consumi di massa tra il boom economico e gli anni Ottanta. Le teorie critiche del consumo nella società di massa fanno da sfondo ad una più generale diffidenza nei confronti delle conseguenze sociali che l’aumento diffuso della ricchezza sembrava comportare. Su questa base, tra la classe politica italiana prevale un atteggiamento pedagogico nei confronti dei comportamenti di consumo delle masse, ritenuti fonti di spreco di risorse finalizzate al perseguimento di effimere soddisfazioni, perlopiù indotte dalla promozione commerciale. Se queste posizioni trovano largo consenso nella sinistra italiana, più articolato sembra invece il mondo politico cattolico che con il boom economico aveva costruito solide basi di legittimazione nella società. Gli anni Settanta, con l’arresto della fase espansiva dell’economia occidentale, favoriscono un ripensamento del modello di sviluppo nel quale viene avanzata la proposta berlingueriana dell’austerità che provoca una netta divaricazione di prospettive tra comunisti e socialisti. Questi ultimi, infatti, si fanno promotori negli anni Ottanta di una visione della modernità che attribuisce centralità ai consumi privati come motore del progresso sociale e della realizzazione individuale.

Paolo Capuzzo, I partiti politici italiani di fronte alla società dei consumi in "MONDO CONTEMPORANEO" 3/2014, pp 129-153, DOI: 10.3280/MON2014-003006