Scienza, libertà e concorrenza. La fortuna del modello accademico tedesco nell’Italia liberale

Titolo Rivista: MEMORIA E RICERCA
Autori/Curatori: Francesco Marin
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 48 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 85-102 Dimensione file: 111 KB
DOI: 10.3280/MER2015-048006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

This article deals with the perception of the German academic model in 19th and early 20th century Italy. The high popularity of the model up to the first world war was based upon a selective perception of its constituent parts: the freedom of teaching and learning, the idealized role of the Privatdozent, the competition in and among the universities, the prevalence of scientific aims over educational ones. The debate in the press, in parliament, university journals and the academic world shows that the German model, altough generally well known, was often exploited. In fact, even if many authors warned of superficial comparisons and the difficulty of an application to the Italian situation, the model supplied arguments for nearly each participant in the Italian university reform debate since the middle of the 19th century.

Francesco Marin, Scienza, libertà e concorrenza. La fortuna del modello accademico tedesco nell’Italia liberale in "MEMORIA E RICERCA " 48/2015, pp 85-102, DOI: 10.3280/MER2015-048006