Il counseling, l’intervento che non cura

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’
Autori/Curatori: Silvana Quadrino
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 10 P. 11-20 Dimensione file: 44 KB
DOI: 10.3280/PSC2015-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il counseling fatica ad acquistare, in Italia, una immagine autonoma e ben definita fra le professioni di aiuto. Ripercorrendo gli sviluppi delle professioni di cura l’autrice mette in evidenza l’affermazione e poi la crisi di un modello di cura di tipo clinico basato sulla convinzione che ogni disagio richieda l’intervento di un terapeuta in grado di individuarne la causa e di proporre una cura, e lo sviluppo parallelo di un modello di tipo pedagogico, basato sulla fiducia nella capacità dell’individuo di provvedere al proprio benessere. Il counseling si colloca in questo spazio di attivazione delle risorse dell’individuo di fronte a difficoltà che nascono dalle crescente complessità della realtà in cui viviamo, e che non richiedono una cura ma un aiuto per esplorare, riprogettare, attivare risorse.

  1. Balint M. (1957). The doctor, his patient and the illness. London: Pitman Medical (trad. it.: Medico paziente e malattia. Milano: Feltrinelli, 1977).
  2. Benedetti F (2012). Il cervello del paziente. Roma: Giovanni Fioriti Editore.
  3. Bert G. (2007). Medicina narrativa. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore.
  4. Borghi L. (1976). L’ideale educativo di J. Dewey. Firenze: La Nuova Italia.
  5. Cirillo S. (1990). Il cambiamento nei contesti non terapeutici. Milano: Raffaello Cortina.
  6. Dewey J. (1916). Democracy and Education. New York: Macmillan (trad. it.: Democrazia e educazione. Firenze: La Nuova Italia, 1984).
  7. Dewey J. (1897). My Pedagogic Creed, School Journal. vol. 54 (January): 77-80.
  8. DOI: 10.1080/00455091.1998.10717497(trad.it.:Ilmiocredopedagogico.Firenze:LaNuovaItalia,1987)
  9. Morin E. (1999). Les sept savoirs nécessaires à l’éducation du futur. Paris: Unesco (trad. it.: I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Milano: Raffaello Cortina, 2001).
  10. Quadrino S. (2009). Il colloquio di counselling: metodi e tecniche di conduzione in ottica sistemica. Torino: Change.
  11. Rogers C.R. (1951). Client Centered Therapy. Boston: Houghton Mifflin (trad. it. La terapia centrata sul cliente. Firenze: La Nuova Italia, 1997).
  12. Sclavi M. (2002). Arte di ascoltare e mondi possibili. Milano: Bruno Mondadori.47.

Silvana Quadrino, Il counseling, l’intervento che non cura in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 1/2015, pp 11-20, DOI: 10.3280/PSC2015-001002