Clicca qui per scaricare

L’analisi del d.lgs. n. 231/2001 e le prospettive di riforma in chiave ambientale
Titolo Rivista: AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI  
Autori/Curatori: Rafi Korn 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 3  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 67-93 Dimensione file:  116 KB
DOI:  10.3280/AIM2013-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A tre anni dall’emanazione del d.lgs. n. 121/2011, che ha modificato la disciplina dettata dal d.lgs. n. 231/2001, introducendo l’art. 25 undecies e prevedendo l’estensione della responsabilità delle persone giuridiche per taluni reati cc.dd. ambientali, l’Autore traccia un bilancio della responsabilità amministrava delle persone giuridiche, strumento chiave per lo sviluppo sostenibile della nostra economia, analizzando gli auspicabili profili di riforma in chiave ambientale della normativa. La ricerca ripercorre la nascita e l’evoluzione della responsabilità amministrava delle persone giuridiche, approfondendo il dibattito dottrinale intercorso sulla reale natura giuridica della stessa, e soffermandosi sull’analisi dei soggetti che possono far ricadere la responsabilità delle loro azioni sull’ente, sull’individuazione degli enti destinatari del decreto - evidenziando le principali problematiche applicative rilevate dalla dottrina e dalla giurisprudenza - nonché su alcuni aspetti peculiari dell’impianto sanzionatorio previsto dalla normativa, con particolare riferimento alle sanzioni interdittive. L’indagine inoltre, approfondisce, anche alla luce delle più recenti pronunce giurisprudenziali, i requisiti del c.d. modello 231, evidenziando gli opportuni profili di riforma ed ottimizzazione del sistema, in una logica di prevenzione e minimizzazione degli impatti ambientali.


Keywords: d.lgs. n. 231/2001, reati ambientali, responsabilità amministrativa dell’ente, modello 231, Organismo di vigilanza, corporate compliance program.

  1. Manduchi C. (2011), «La riforma dei reati ambientali e il d.lgs. n. 231/2001: prime riflessioni», Ambiente e sviluppo, 8-9.
  2. Marinucci G. (2009), Manuale di diritto penale, Giuffrè, Milano.
  3. Marinucci G. (2002), «Societas puniri potest», Rivista italiana di diritto e procedura penale, 1.
  4. Merlin A. (2011), «Tutela illeciti ambientali nella disciplina “231”: riflessioni per le imprese», Ambiente e sicurezza, 17.
  5. Pacciolla C. (2012), «La responsabilità ambientale degli enti ed i modelli organizzativi », Ambiente e sviluppo, 5.
  6. Pulitanò D. (2002), «La responsabilità “da reato” degli enti: i criteri di imputazione », Rivista italiana di diritto e procedura penale, 1.
  7. Romano M. (1995), «Societas delinquere non potest. (Nel ricordo di Franco Bricola) », in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 4.
  8. Santoriello C. (2008), «Violazione delle norme antinfortunistiche e reati commessi nell’interesse o a vantaggio della società», Responsabilità amministrativa di società ed enti, 1.
  9. Satta A. (2010), «Gli obblighi comunitari di tutela penale ambientale alla luce della Direttiva 2008/99/CE e del Trattato di Lisbona», Rivista penale, 12.
  10. Von Savigny F. C. (1840-1849, in otto volumi), System des heutigen Romischen Rechts, Vol. I, Berlino, (trad. it.) di V. Scialoja (1886-1896), Sistema del diritto romano attuale, Vol. I, Utet, Torino.
  11. Sbisà F. (2011), «Prime riflessioni sull’ingresso dei reati ambientali nella disciplina del d.lgs. n. 231/2001», http://aodv231.it
  12. Sillani A. (2011), «Ecoreati e 231: elementi di similitudine tra Iso 14001 e il modello organizzativo esimente», Rifiuti, 11.
  13. Siracusa L. (2008), «La competenza comunitaria in ambito penale al primo banco di prova: la direttiva europea sulla tutela penale dell’ambiente», Rivista italiana di diritto e procedura penale, 4.
  14. Veneroso V. (2011), «I modelli di organizzazione e gestione, ex d.lgs. n. 231/2001, nella prevenzione dei reati in materia ambientale (parte prima)», Ambiente e sviluppo, 12.
  15. Vergine A. L. (2009), «Nuovi orizzonti del diritto penale ambientale?», Ambiente e sviluppo, 1.
  16. Aa.Vv. (2008), La responsabilità degli enti. Commento articolo per articolo al d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, Cedam, Padova.
  17. Abi (2004), «Linee Guida per l’adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche», https://www.abi.it/DOC_Normativa/Ordinamento/Responsabilita-amministrativa/tmp1078224516588_52Resp.Amm.vaLineeGuida_feb04_.pdf
  18. Alessandri A. (1984), Reati d’impresa e modelli sanzionatori, Giuffrè, Milano.
  19. Ania (2003), «Linee guida per il settore assicurativo ex art. 6, comma 3, d.lgs. 8/6/2001, n. 231 (Responsabilità amministrativa delle imprese di assicurazione) », http://www.cierm.it/wp-content/uploads/2012/08/Linee-guida-Ania-dlgs-231_01.pdf
  20. Berti C. (2011), «Profili di responsabilità civile dell’organismo di vigilanza istituito ai sensi del d.lg. n. 231/2001», La responsabilità civile, 7.
  21. Carino A. (2011), «Decreto 231 e reati ambientali», http://aodv231.it
  22. Carina A. e Vanetti F. (2012), «I reati ambientali per le società: commento alla recente circolare Assonime», Ambiente e sviluppo, 10.
  23. Confindustria (2011), «Schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell’ambiente e della direttiva 2009/123/CE che modifica la direttiva 2005/35/CE relativa all’inquinamento provocato dalle navi, Osservazioni di Confindustria», http://www.confindustria.it/Aree/Documenti Pub.nsf/C4E890ECDACC709FC1257884005C9AA8/$File/Reati%20ambientali%20-%20Osservazioni%20Confindustria.PDF
  24. Confindustria (2008), «Linee guida per la costruzione di Modelli di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. n. 231/2001», http://www.confindustria.it/Aree/lineeg.nsf/0/1f77a3860529403ec125742600577c2b/$FILE/Linee%20Guida%20231_2008.pdf
  25. Cruciani M., Di Diego S., Gentili G., Zito U. (2007), Responsabilità amministrativa di società ed enti, il modello organizzativo ex d.lgs. 231/01, Giuffrè, Milano.
  26. Fargnoli M. (2012), «La responsabilità degli enti per i reati ambientali: il ruolo dei sistemi di gestione ambientale», Ambiente e sviluppo 6.
  27. Iraldo F., Merlin A. e Ursino V. (2012), «Modelli 231 e reati ambientali: quali integrazioni con i SGA?», Ambiente e sicurezza, 7.
  28. Korn R. (2012), «Le certificazioni ambientali nell’ottica della tutela del consumatore: l’analisi del Regolamento Emas III a tre anni dalla sua pubblicazione», Agricoltura Istituzioni Mercati, 2-3.
  29. Korn R. (2012), «Tutela dell’ambiente, consumatori e responsabilità sociale d’impresa: i nuovi strumenti della sostenibilità aziendale», Contratto e impresa/
  30. Europa, 2. Madeo A. (2011), «Un recepimento solo parziale della Direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell’ambiente», Diritto penale e processo, 9.
  31. Maglia S. (2009), «La tutela penale dell’ambiente: prime considerazioni sulla nuova Direttiva», Ambiente e sviluppo, 2.
  32. Maglia S., Di Girolamo A. (2012), «Poteri e responsabilità dell’Organismo di Vigilanza previsto dal d.lgs. n. 231/2001», Ambiente e sviluppo, 3.

Rafi Korn, in "AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI " 3/2013, pp. 67-93, DOI:10.3280/AIM2013-003005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche