Il primo centrosinistra: un evento traumatico?

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Mariuccia Salvati
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 7 P. 103-109 Dimensione file: 41 KB
DOI: 10.3280/MON2015-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Prendendo spunto da alcune pubblicazioni e colloqui recenti sul cinquantesimo anniversario del primo governo di centrosinistra in Italia (1963-64), l’articolo riflette sulle cause che, oltre alla nota dura opposizione del capitalismo italiano privato, contribuirono alla mancata realizzazione del programma complessivo. Sebbene nuovi studi dimostrino la presenza di una importante cultura riformista nel paese confluita nel progetto di centrosinistra, qui si ricorda come questa non abbia trovato l’aperto forte sostegno da parte della Cgil a un programma considerato, appunto, "socialdemocratico". Il secondo elemento, ancora più decisivo, fu la storica debolezza dello Stato e della pubblica amministrazione, che rese il sistema dei partiti l’unico "giocatore" in campo.

Mariuccia Salvati, Il primo centrosinistra: un evento traumatico? in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2015, pp 103-109, DOI: 10.3280/MON2015-001003