"Generazione" e storiografia: la fortuna di una categoria

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Anna Pattuzzi
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 25 P. 111-135 Dimensione file: 125 KB
DOI: 10.3280/MON2015-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli ultimi anni, nel quadro storiografico italiano, sono stati pubblicati alcuni articoli riguardanti la "generazione" come categoria interpretativa. Ciò segnala l’emergere di un interesse nuovo per la questione. Il presente articolo intende verificare la fortuna della "generazione" come strumento analitico nella storia della storiografia e ragionare sulle fasi in cui - tra la fine dell’Antico Regime e la crisi della modernità, quindi tra la fine del Settecento e gli ultimi tre decenni del Novecento - prende forma una particolare sensibilità nei confronti della nozione. L’autrice passa in rassegna le elaborazioni sviluppate nell’Ottocento francese e tedesco; poi la stagione europea degli anni Venti e la ridefinizione della problematica in seguito alla seconda guerra mondiale e con il ’68. Passa quindi ad osservare il destino del paradigma generazionale in rapporto alla crisi dei paradigmi tradizionali che si verifica con la svolta linguistica e culturale. Una rassegna delle voci che insistono sulla "generazione" in differenti congiunture storiche e contesti nazionali, all’interno di differenti tradizioni disciplinari, può essere un’opportunità per verificare i limiti e le aperture del concetto anche in senso teorico e metodologico, alla luce della sensibilità odierna.

Anna Pattuzzi, "Generazione" e storiografia: la fortuna di una categoria in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2015, pp 111-135, DOI: 10.3280/MON2015-001004