Il viaggio e la politica. Il Raj di George Nathaniel curzon e la frontiera come "immaginario imperiale"

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Gianluca Pastori
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 146 Lingua: English
Numero pagine: 19 P. 95-113 Dimensione file: 259 KB
DOI: 10.3280/SU2015-146005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

George Nathaniel Curzon (1859-1925), Viceré dell’India, Segretario agli Esteri e - nella prima fase della vita - viaggiatore e scrittore prolifi co, ha svolto un ruolo-chiave nella costruzione della Frontiera come problema politico e come luogo dell’"immaginario imperiale". Dal viaggio in Russia e in Asia Centrale del 1888-89 alla Romanes Lecture del 1907, il suo prestigio e la sua infl uenza sono stati centrali nel fondere l’aspetto popolare del problema con i vincoli e le necessità dell’alta politica. La rapida ascesa nei circoli del potere e la durata della sua permanenza hanno contribuito a dare autorità alla sua visione e ad accrescerne l’infl uenza. Inserendosi in un ricco e commercialmente fortunato fi lone, nato negli anni immediatamente successivi alla prima guerra afgana, le opere di Curzon hanno ampiamente condizionato l’ultima fase della politica indiana, prima che lo scoppio della prima guerra mondiale riportasse verso l’Europa il pendolo degli interessi imperiali. Ad esse si lega, inoltre, l’idea della radicale ingovernabilità della Frontiera. Soprattutto, ad esse si lega l’idea di Frontiera come di un mondo a parte, retto da norme proprie, e abitato da una "razza" peculiare, radicalmente altra ma, al contempo, degna d’ammirazione proprio in virtù della fi era difesa di questa alterità. Nonostante l’evoluzione dello scenario internazionale, queste idee si dimostreranno durature. Incarnate nella separazione dei territori della Frontiera da quelli del Punjab, esse sarebbero traslate, in seguito, dall’immaginario imperiale britannico a una sorta di "consapevolezza condivisa", che continua a strutturare la narrazione dell’area afganopakistana e dei popoli che la abitano. Più che le tracce sul terreno proprio la forza di questa "consapevolezza condivisa" attesta del peso dell’eredità imperiale. Un’eredità di cui è diffi cile liberarsi, sia al livello delle scelte politiche, sia delle rappresentazioni che queste scelte informano e sottendono.

Gianluca Pastori, Il viaggio e la politica. Il Raj di George Nathaniel curzon e la frontiera come "immaginario imperiale" in "STORIA URBANA " 146/2015, pp 95-113, DOI: 10.3280/SU2015-146005