La gestione pubblica del passato europeo: quale memoria?

Titolo Rivista: PASSATO E PRESENTE
Autori/Curatori: Ricard Vinyes
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 96 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 41-61 Dimensione file: 152 KB
DOI: 10.3280/PASS2015-096003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Investigates the memory policies that the European Union has promoted in the last years, as well as their intellectual and political precedents. To this aim it analyses the new tool for managing the public memory created by the Eu: «The House of European History». This study highlights that the way in which history is represented in the permanent exhibition of the new museum aims to forge the foundational myth of a European nation and its supposed identity. Finally, the article describes the pressure from the Eastern European countries to graft their own and exclusive version of European memory onto the memory policies of the Eu, as the only possible memory that all the Europeans must share.

Ricard Vinyes, La gestione pubblica del passato europeo: quale memoria? in "PASSATO E PRESENTE" 96/2015, pp 41-61, DOI: 10.3280/PASS2015-096003