Musei e gestione della memoria in Israele

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Monica Miniati
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 159-168 Dimensione file: 49 KB
DOI: 10.3280/MON2015-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La nota focalizza l’attenzione sul processo di decostruzione e ri-articolazione della memoria avviato in Israele dai musei etnici a partire dagli anni Settanta. Luoghi di ridefinizione di ruoli e di spazi nella memoria collettiva nazionale di un segmento subalterno e stigmatizzato quale i mizrahim, (ebrei mediorientali e nordafricani), tali musei hanno etnicizzato l’esperienza diasporica, elaborando una narrazione autonoma e più completa rispetto alla master narrative sionista. Tale "de-monopolizzazione" in ambito museale restituisce Israele nel suo reale profilo di nazione articolata su un insieme di comunità di memoria. I musei etnici, espressione di storie e culture distinte e scandite dall’esclusione, si contrappongono al messaggio veicolato dall’istituzione ufficiale per eccellenza, il Museo della Diaspora (Beit Ha-Tefuzot) di Tel Aviv, contrassegnato da una visione monolitica dell’ebraismo diasporico. I musei etnici suscitano un cruciale interrogativo su ciò che fa di gallerie d’arte, centri di conservazione del patrimonio culturale, spazi di senso per le comunità che vi sono narrate: non devono essere queste ultime le artefici privilegiate del loro allestimento?

Monica Miniati, Musei e gestione della memoria in Israele in "MONDO CONTEMPORANEO" 3/2015, pp 159-168, DOI: 10.3280/MON2015-003007