Clicca qui per scaricare

Non è facile essere un teorico del campo: un commento all’articolo "Cartesian and Post-Cartesian Trends in Relational Psychoanalysis"
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Lynne Jacobs 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 103-116 Dimensione file:  207 KB
DOI:  10.3280/GEST2015-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo è un commento in risposta a un capitolo scritto da Atwood, Stolorow e Orange, in cui gli autori criticano alcune delle idee dell’approccio psicoanalitico relazionale di New York. È stato scritto come parte di una "conversazione" continua fra due scuole di psicoanalisi contemporanea strettamente affini nel pensiero: la teoria dell’intersoggettività e la scuola relazionale americana (rappresentata in primo piano da Stephen Mitchell e Lew Aron), e la terapia della Gestalt. Le mie osservazioni affrontano le analogie epistemologiche fra la terapia della Gestalt e la psicoanalisi contemporanea, e trattano le differenti prospettive riguardanti il "qui ed ora", e il riconoscimento reciproco. Inoltre, sulla base della prospettiva teorica di campo e sull’esempio di alcune dichiarazioni di Isadore From, la teoria delle "interruzioni di contatto" e degli episodi di contatto della terapia della Gestalt è criticamente discussa.


Keywords: Gestalt Therapy, psicoanalisi relazionale, teoria intersoggettiva, qui-ed-ora, riconoscimento reciproco, critica alla teoria delle "interruzioni di contatto"

  1. Beisser A. (1970). The Paradoxical Theory of Change. Retrieved from http://gestalttherapy. org/publications/paradoxicaltheoryofchange.pdf
  2. Benjamin W. (1995). Like Subjects, Love Objects. Yale: New Haven.
  3. Bergson H. (ed. or. 1910; 1960). Time and Free Will. New York: Harper Torchbooks.
  4. Culler J. (2003). Sulla decostruzione. Roma: Studi Bompiani.
  5. Derrida J. (1978). Writing and Difference. Chicago: University of Chicago Press.
  6. Hersch E. (2001). Making our Philosophical Unconscious More Conscious: A Method of Exploring the Philosophical Basis of Psychological Theory. Canadian Journal of Psychoanalysis, 9, 2: 165-186.
  7. Kohut H. (1977). The Restoration of the Self. New York: International Universities Press.
  8. Miller M.V. (2001). What Lies Beyond the Field? In: Robine J.-M., ed., Contact and Relationship in a Field Perspective. Bordeaux: L’Exprimerie, 109-118.
  9. Mitchell S. (1988). Relational Concepts in Psychoanalysis. Cambridge, MA: Harvard Press (trad. it.: Gli orientamenti relazionali in psicoanalisi per un modello integrato. Torino: Bollati Boringhieri, 1993).
  10. Müller B. (1995). On Isadore From’s Contribution to Gestalt Therapy. British Gestalt Journal, 4, 2: 121-128 (trad. it.: Il contributo di Isadore From alla teoria e alla pratica della Gestalt Terapia. Quaderni di Gestalt, 1992; 15: 7-23).
  11. Orange D.M. (1995). Emotional Understanding: Studies in Psychoanalytic Epistemology. NY: Guilford Press (trad. it.: La comprensione emotiva. Roma: Astrolabio, 2001).
  12. Orange D.M., Atwood G.E., Stolorow R.D. (1999). Intersoggettività e lavoro clinico. Il contestualismo nella pratica psicoanalitica. Milano: Raffaello Cortina.
  13. Parlett M. (1991). Reflections on Field Theory. British Gestalt Journal, 1, 1: 69-81.
  14. Parlett M. (1997). The Unified Field in Perspective. Gestalt Review, 1, 1: 16-33.
  15. Perls F.S., Hefferline R.F., Goodman P. (ed. or. 1951; 1994). Gestalt Therapy: Excitement and Growth in Human Personality. New York: Gestalt Journal Press (trad. it.: Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Vitalità e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio, 1971; 1997).
  16. Polster E. (1998). Translating Theory into Practice: Martin Heidegger and Gestalt Therapy. Gestalt Review, 2, 3: 253-268.
  17. Roberts A. (1999). The Field Talks Back. British Gestalt Journal, 8, 1: 35-46.
  18. Robine J.-M. (1997). Is There a Common Ground on Which We Can Build? Gestalt Journal, 20, 2: 7-22.
  19. Robine J.-M., ed. (2001). Contact and Relationship in a Field Perspective. Bordeaux: L’Exprimerie.
  20. Spagnuolo Lobb M. (2001). From the Epistemology of Self to Clinical Specificity in Gestalt Therapy. In: Robine J.-M., ed., Contact and Relationship in a Field Perspective. Bordeaux. L’Exprimerie, 49-65 (trad. it.: Il sé che crea ed è creato nel contatto. Teoria classica della terapia della Gestalt. In: Spagnuolo Lobb M. Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Milano: FrancoAngeli, 2011, 66-116).
  21. Staemmler F.-M. (1993). Projective Identification in Gestalt Therapy with Severely Impaired Clients. British Gestalt Journal, 2, 2: 104-110.
  22. Stolorow R.D., Atwood G.E. (1995). I contesti dell’essere. Le basi intersoggettive della vita psichica. Torino: Bollati Boringhieri.
  23. Stolorow R.D., Orange D.M., Atwood G.E. (2001). Cartesian and Post-Cartesian Trends in Relational Psychoanalysis. Psychoanalytic Psychology, 18: 468-484.
  24. Wheeler G. (2000). Beyond Individualism: Toward a New Understanding of Self, Relationship, and Experience. Hillsdale, NJ: The Analytic Press.
  25. Yontef G. (1993). Introduction to Field Theory. In: Yontef G., ed., Awareness, Dialogue and Process. Highland, NY: Gestalt Journal Press, 285-325.

Lynne Jacobs, in "QUADERNI DI GESTALT" 2/2015, pp. 103-116, DOI:10.3280/GEST2015-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche